ECONOMIA, VALORIZZAZIONE, GESTIONE DEL PATRIMONIO TURISTICO

StrutturaDIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E STATISTICHE
Anno Accademico2017/2018
Tipo di CorsoCORSO DI LAUREA
NormativaD.M. 270/2004
Anni3
Crediti180
ClasseL-15 - Classe delle lauree in Scienze del turismo

Il corso di laurea interdipartimento-interateneo in "Economia, valorizzazione, gestione del patrimonio turistico" si propone di fornire una preparazione basata su conoscenze linguistiche e competenze scientifiche di ambito generale che spaziano dalle discipline economico-gestionali a quelle storico-artistiche.

Esso ha una connotazione internazionale, in virtù della presenza tra i partner del Dipartimento di Geografia dell'Università di Paris-Nanterre La Défense (Francia), e si contraddistingue per la nutrita presenza di attività formative volte a rafforzare le competenze linguistiche, elementi di fondamentale importanza per il settore turistico. Inoltre, nell'iter formativo sono previsti due tirocini, uno dei quali va obbligatoriamente svolto nel Paese partner, presso strutture private ed enti pubblici impegnati nella gestione e programmazione delle attività turistiche come pure nella promozione e nello sviluppo del territorio.

Oltre al partner francese, alle attività didattiche del corso contribuiscono quattro dipartimenti dell'Università degli Studi di Salerno: il Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale, il Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche, il Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali, e il Dipartimento di Studi Umanistici.

La marcata interdisciplinarietà del corso di studio si fonda sul presupposto che l'unione fra le conoscenze di caratteristiche e risorse storico-artistiche e il possesso di nozioni manageriali, giuridiche ed economiche sia fondamentale per la formazione di figure professionali capaci di assumere un ruolo di traino nello sviluppo turistico.

Il Corso di Laurea ha una durata complessiva di tre anni e prevede un numero complessivo di CFU pari a 180. È prevista una programmazione degli accessi (20 studenti). Il ciclo formativo si suddivide in 6 semestri. Di norma, gli studenti sono tenuti a seguire quattro semestri nell'Università di provenienza e due in quella partner. La didattica prevede una elevata interazione docente-studenti, finalizzata alla realizzazione di progetti personali e collettivi (gruppi di tre/quattro studenti), in compartecipazione con i diversi soggetti del "mondo reale" (operatori privati, enti pubblici). Sono altresì previsti stage con l'elaborazione di relazioni finali tutorate, nonché attività seminariali e simulazioni nella ricerca di partner per la realizzazione di progetti nel settore turistico e nell'ambito della pianificazione finanziaria.

Il corso di laurea in Economia, Valorizzazione, Gestione del Patrimonio Turistico, afferente al Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche, è a numero programmato. L'accesso è riservato a venti studenti per anno.

Tale programmazione potrà essere modificata, in seguito a un accordo tra le due parti, nel pieno rispetto del principio della reciprocità.

Per l'immatricolazione al corso di Laurea è richiesto il possesso del diploma di maturità o altro titolo di studio equipollente conseguito all'estero, riconosciuto ai sensi della legge vigente.

I candidati che aspirano a seguire il percorso formativo devono possedere capacità di comprensione e analisi del testo nonché conoscenze di base storico-geografiche, e devono essere in possesso di un adeguato livello di conoscenza di base della lingua francese (per gli studenti dell'Università degli Studi di Salerno) e della lingua italiana (per gli studenti di Paris-Ouest-Nanterre-La Défense).

E' previsto un test di accesso selettivo obbligatorio, che ha l'obiettivo di valutare la preparazione di base dello studente.

L'Ateneo promuove diverse manifestazioni di orientamento in ingresso organizzate ogni anno dal Centro di Ateneo per l'Orientamento e il Tutorato (CAOT) che coinvolgono tutti i corsi di studio dell'Ateneo e sono destinate ai potenziali futuri studenti:

- UNISAOrienta, che si svolge nei mesi di febbraio/marzo ha l'obiettivo di avvicinare i giovani in procinto di scegliere il futuro percorso di studio alla realtà universitaria e di offrire strumenti atti a favorire una scelta motivata e consapevole del percorso di studio. Nell'arco di diverse giornate, organizzate in sinergia con i Dipartimenti e con i corsi di studio dell'Ateneo, docenti universitari svolgono seminari di orientamento, finalizzati, in particolare, ad illustrare i requisiti di ammissione, gli obiettivi formativi e gli sbocchi occupazionali di tutti i Corsi di studio attivi presso l'Università degli Studi di Salerno.

- Future matricole in Campus – Visita guidata ai luoghi e alle risorse per lo studio”, finalizzata ad offrire agli studenti degli Istituti di Istruzione Superiore la possibilità di trascorrere un'intera giornata nel contesto universitario e di visitare le strutture ed i servizi attivi nel Campus di Fisciano.

Studenti con disabilità o disturbi specifici di apprendimento possono usufruire dei molteplici servizi garantiti dal Servizio Disabilità e Disturbi Specifici di Apprendimento, attivato ai sensi della legge 17/99 e legge 170/2010, afferente all'Ufficio Diritto allo Studio e coordinato dal Delegato del Rettore per la disabilità. Il Servizio effettua colloqui individuali di analisi dei bisogni con gli studenti in presenza o a distanza; un'equipe di figure professionali fornisce informazioni e consulenza sui servizi loro dedicati, sulle richieste di ausili durante lo svolgimento delle prove di accesso, sulle agevolazioni economiche, e sull'accessibilità ai luoghi dell'Ateneo.

Per maggiori informazioni: http://www.disabilidsa.unisa.it/”

Il Delegato all'Orientamento in entrata è la Prof. Valeria D'Amato, coadiuvata dalla Commissione orientamento in entrata e in itinere, di cui è disponibile la composizione al link http://www.dises.unisa.it/dipartimento/commissioni?dettaglio=219.

Il Delegato e la Commissione predispongono il piano degli interventi di orientamento e i materiali per l'orientamento.

La prova finale, a cui sono assegnati 10 CFU, prevede l'elaborazione di un testo scritto teso a dimostrare una solida preparazione teorica in una o più discipline d'insegnamento del corso, oltre ad una spiccata attitudine a risolvere in modo professionalizzante le problematiche che caratterizzano il settore turistico.

In ragione del significativo rilievo - in termini di CFU - della prova finale, coerente agli obiettivi del corso, si prevede l'elaborazione e la discussione davanti ad una Commissione di Laurea di una relazione scritta (mono- o inter-disciplinare) basata su una esperienza empirica di ricerca o di lavoro guidato (tirocinio), effettuata sotto la guida di un docente.

Tecnici delle attività ricettive e professioni assimilate (3.4.1.1.0)

Funzione nel contesto lavorativo

La preparazione acquisita dal laureato gli consente di gestire e valorizzare – anche attraverso idonee strategie di marketing – il patrimonio turistico locale o nazionale. Inoltre, grazie alla conoscenza dei principi e delle dinamiche amministrative e direzionali, egli è in grado di affrontare e risolvere le principali problematiche nel settore delle attività ricettive. Il laureato è anche chiamato a collaborare con i soggetti pubblici e privati per migliorare, caratterizzare (sul piano ambientale, artistico, architettonico, eno-gastronomico) e collocare l’offerta turistica nei circuiti organizzati e informali.

Competenze associate alla Funzione

Il laureato è in grado di elaborare piani di marketing turistico, di organizzare e gestire eventi di promozione e sviluppo del turismo, di raccogliere ed analizzare i dati statistici sui flussi turistici, di gestire le risorse umane o finanziarie di imprese turistiche, e di curare i rapporti con mezzi di informazione, tour operator e agenti di viaggio.

Sbocchi Professionali

- Enti di promozione turistica nazionali o internazionali.

- Enti pubblici locali.

- Società operanti nel settore turistico.

Preparazione per la prosecuzione degli studi

Funzione nel contesto lavorativo

Grazie alla preparazione conseguita, il laureato può proseguire i propri studi nei corsi di Laurea Magistrale.

Competenze associate alla Funzione

Il laureato possiede una conoscenza di metodi e contenuti scientifici generali idonea a consentirgli l’accesso e la frequenza a corsi di studio magistrali di discipline affini.

Il Corso di Studio nel suo complesso

Conoscenza e Comprensione

Il laureato in "Economia, valorizzazione, gestione del patrimonio turistico" sviluppa competenze che lo renderanno capace di affrontare problematiche complesse in materia di gestione e valorizzazione del patrimonio turistico e del territorio. Il processo di apprendimento si caratterizza per la forte integrazione interdisciplinare che, grazie a metodologie formative innovative quali il learning by doing, consentirà di acquisire abilità e capacità di comprensione di livello post-secondario:

- nelle discipline giuridiche, economico-gestionali e storico-artistiche;

- nelle materie linguistiche;

- nelle tematiche territoriali.

Le conoscenze e la capacità di comprensione vengono acquisite attraverso la frequenza ai corsi nei quali il supporto didattico è rappresentato da manuali, testi specialistici, dispense redatte dai docenti, articoli pubblicati su riviste scientifiche. Le lezioni si svolgono ricorrendo alle metodologie didattiche più innovative. La partecipazione alle attività di laboratorio previste e agli stage obbligatori da svolgersi presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali italiani e/o stranieri sono utili per rafforzare le conoscenze acquisite nell'ambito della didattica tradizionale. Ad integrazione delle metodologie didattiche descritte, si prevede l'organizzazione di seminari e convegni su tematiche di specifico interesse del corso, per un ulteriore arricchimento delle competenze degli studenti.

In tal modo, il laureato acquisirà un bagaglio di conoscenze, anche su temi d'avanguardia, immediatamente spendibili in ambiti professionali relativi alla gestione e valorizzazione del patrimonio turistico, la cui verifica è affidata a specifiche prove orali e scritte, nonchè al superamento della prova finale. Il processo di apprendimento mira a superare le rigidità tipiche delle metodologie didattiche tradizionali al fine di formare professionisti capaci di far valere competenze interdisciplinari al servizio di logiche professionali innovative. La sfida è quella di fare in modo che si acquisiscano conoscenze gestionali, economiche e giuridiche al servizio di uno sviluppo turistico territoriale basato altresi su conoscenze storiche, artistiche ed archeologiche.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

Il laureato in "Economia, gestione e valorizzazione del patrimonio turistico" è in grado di applicare gli strumenti analitici e concettuali delle discipline economiche e manageriali a specifiche realtà operative del turismo nei campi della definizione strategica, gestione, analisi dei dati, ideazione e sviluppo del patrimonio turistico.

Il laureato è in grado di applicare le competenze acquisite con un approccio professionale. I metodi didattici infatti saranno fortemente caratterizzati dall'apprendimento per esperienza e dal consistente ricorso a periodi di stage.

In particolare, le competenze acquisite faranno sì che il laureato possa essere immediatamente impegnato in attività di sviluppo e valorizzazione del territorio. Il laureato potrà interagire, grazie alle sue competenze, con i diversi interlocutori presenti sul territorio e potrà fornire un supporto concreto agli agenti, pubblici e privati, operanti a tal fine.

Tali competenze saranno verificate mediante prove scritte e colloqui orali previsti per i singoli insegnamenti, ma anche attraverso la realizzazione di progetti di gruppo a carattere interdisciplinare che saranno elaborati durante il corso di laurea.

L'acquisizione e la verifica delle capacità di applicare conoscenza e comprensione avverrà tramite la partecipazione ad esercitazioni sul campo e all'interno dei corsi di insegnamento, ed anche attraverso la stesura di elaborati scritti; le capacità di applicare conoscenza dovranno essere dimostrate dagli studenti anche durante l'esperienza di tirocinio formativo.

Area Economico-Giuridico-Aziendale

Conoscenza e Comprensione

Il laureato avrà acquisito conoscenze relative a caratteristiche e funzionamento di aziende ed organizzazioni territoriali turistiche, e saprà comprendere ed affrontare le principali problematiche economiche, finanziarie e di gestione che le contraddistinguono. Sarà perciò in grado di individuare gli strumenti migliori per consentire un’adeguata fruizione, conservazione e valorizzazione dei beni culturali. Con riferimento al territorio, il laureato possederà conoscenze per valutare la dimensione e le caratteristiche delle economie locali e per interpretare il legame tra turismo e sviluppo economico. Egli avrà inoltre maturato una buona padronanza del linguaggio e delle problematiche giuridiche, e sarà messo in grado di intendere il ruolo delle diverse istituzioni europee e di interpretare i rapporti tra l’Unione Europea e gli Stati membri, nonché i rapporti tra Stati.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

Il laureato saprà utilizzare le principali tecniche e strumenti per la gestione e lo sviluppo di imprese ed enti turistici, saprà effettuare studi ed iniziative per una corretta ed adeguata valorizzazione del territorio e delle risorse ivi presenti (allestimenti di mostre, promozioni di eventi...), e sarà in grado di elaborare idonee politiche di sviluppo economico legate alle risorse turistiche nonché di implementare strategie di sviluppo delle destinazioni turistiche e processi di pianificazione e gestione turistica del territorio. Avrà poi la capacità di interpretare in modo autonomo i testi normativi, i precedenti giurisprudenziali e i modelli contrattuali maggiormente in uso presso le imprese turistiche e gli enti di promozione territoriale.

Area Linguistica

Conoscenza e Comprensione

Il laureato possederà ottime conoscenze delle lingue inglese e francese, con particolare riguardo alle relative strutture morfo-sintattiche e ai lessici più frequentemente utilizzati nel linguaggio comune. Le conoscenze riguarderanno in modo specifico testi e contesti legati al turismo e all’arte, e avranno consentito al laureato di acquisire abilità linguistiche di scrittura, lettura, conversazione, comprensione ed elaborazione di un discorso.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

Con riferimento alle lingue inglese e francese, il laureato saprà effettuare una comunicazione efficace su argomenti di carattere generale e specialistico e sarà in grado di preparare, comprendere, analizzare e sintetizzare testi e discorsi. Ciò gli consentirà di interagire con realtà e contesti internazionali, sia nella vita quotidiana sia nei contesti lavorativi attinenti al turismo e ai beni culturali.

Area Storico-Artistica- Sociologica

Conoscenza e Comprensione

Il laureato conseguirà un insieme di conoscenze attinenti alle discipline storiche, artistiche, dello spettacolo e della comunicazione, così da poter sviluppare analisi e gestire specifici problemi legati a conoscenza, fruizione, conservazione e valorizzazione dei beni culturali. In particolare, egli amplierà le proprie conoscenze su temi di cultura storica ed avrà competenze relativamente a metodologie di studio e ricerca riguardanti scavi, reperti archeologici ed opere d’arte, nonché a modalità di analisi e valutazione critica di opere musicali, teatrali e cinematografiche.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

Il laureato saprà progettare ed organizzare studi ed eventi tesi alla valorizzazione dei beni culturali e del territorio (allestimenti museali, mostre, eventi artistici), grazie alla sensibilità e alle conoscenze sviluppate nel corso degli studi relativamente al contesto storico e sociologico di riferimento. Egli avrà inoltre la capacità di operare in modo autonomo nei diversi ambiti del turismo e dello scambio culturale, e sarà in grado di elaborare progetti di sviluppo turistico coerenti con le risorse artistiche e ambientali del territorio.

Tecnici delle attività ricettive e professioni assimilate3.4.1.1.0
Fabio CARLUCCI
Maria Teresa CUOMO
GREGORY (Université Nanterre (Paris 10)) BUSQUET
Patrick (Université Nanterre (Paris 10)) COURTIN
Monique (Université Nanterre (Paris 10)) POULOT
Stefano D'ATRI
Gisella MAIELLO
Rosario PELLEGRINO
Marie (Université Nanterre (Paris 10)) BRIDONNEAU
Rosario PELLEGRINO
Gisella MAIELLO
Daniela MARRANI
Fabio CARLUCCI