Logo UNISA

SCIENZE POLITICHE

StrutturaDIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE, SOCIALI E DELLA COMUNICAZIONE
Anno Accademico2014/2015
Tipo di CorsoCORSO DI LAUREA MAGISTRALE
NormativaD.M. 270/2004
Anni2
Crediti120
ClasseLM-62 - SCIENZE DELLA POLITICA
Corso di StudioSito Web

Il Corso di laurea magistrale in Scienze Politiche intende fornire allo studente conoscenze avanzate di contenuto culturale, scientifico e professionale per la formazione delle decisioni e per il funzionamento delle istituzioni pubbliche e private. A tal fine il progetto formativo prevede un'elevata caratterizzazione disciplinare dei percorsi di studio che, nel mentre costituiscono il naturale proseguimento dei percorsi dell'Offerta formativa di base, ne arricchiscono significativamente le prospettive d'analisi e gli strumenti di intervento operativo. L'approfondimento, in particolare, degli ambiti storico-politologico ed economico-giuridico, nel rispondere all'esigenza di creare figure professionali in grado di interpretare ed intervenire efficacemente nei processi di trasformazione/innovazione istituzionale, permette al Corso di offrirsi come valida ed appetibile opzione per gli studenti provenienti da altri corsi di studio sia presenti nell'Ateneo salernitano che in altri Atenei. Dall'anno accademico 2013/2014 il corso di laurea magistrale ha come Dipartimento di riferimento il Dipartimento di Scienze Politiche, Sociali e della Comunicazione e come Dipartimento associato il Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche

1. Per essere ammessi al Corso di Laurea magistrale occorre essere in possesso della Laurea o del diploma universitario di durata triennale o di altro titolo conseguito all'estero, riconosciuto idoneo in base alla normativa vigente. Gli studenti devono inoltre essere in possesso dei requisiti curriculari e di adeguata personale preparazione di cui ai successivi commi 2 e 3, non essendo prevista l’iscrizione con carenze formative.

2. Per l’iscrizione al Corso di Laurea magistrale in Scienze Politiche è richiesto il possesso dei seguenti requisiti curriculari minimi:

Aver conseguito un minimo di 45 CFU ripartiti come di seguito indicato:

- almeno 8 CFU in uno o più dei seguenti SSD: IUS/08; IUS/09; IUS/10; IUS/21

- almeno 8 CFU in uno o più dei seguenti SSD: SECS-P/01; SECS-P/02; SECS-P/03; SECS-P/10

- almeno 8 CFU in uno o più dei seguenti SSD: SECS-S/01; SECS-S/03; SECS-S/04

- almeno 8 CFU in uno o più dei seguenti SSD: SPS/01; SPS/04; SPS/07; SPS/09; SPS/11

- almeno 8 CFU in uno o più dei seguenti SSD: L-LIN/04; L-LIN/07; L-LIN/12; L-LIN/13

- almeno 8 CFU in uno o più dei seguenti SSD: M-STO/02; M-STO/04

3. Per l’iscrizione al corso di laurea magistrale è altresì richiesto il possesso di adeguate conoscenze e abilità specifiche relative agli SSD indicati al precedente comma 2

4. Il possesso delle conoscenze e competenze di cui al precedente comma 3 è verificato mediante una prova di accesso consistente in una prova scritta e/o un colloquio.

5. Sono esonerati dalla prova di accesso gli studenti iscritti ad un corso di Laurea Magistrale della classe LM-62 provenienti da altri atenei; sono altresì esonerati gli studenti provenienti da corsi di laurea Magistrale di classe diversa a condizione che siano in possesso dei requisiti curriculari di cui al precedente comma 2.

6. Le modalità di verifica dei requisiti di ammissione e i criteri di valutazione della preparazione degli studenti ai fini dell’ammissione sono definite annualmente nel Manifesto degli Studi e rese note sul sito WEB dell’Ateneo. Nel Manifesto sono altresì contenuti il dettaglio degli argomenti su cui verte la prova e l’indicazione dei testi suggeriti per la preparazione.

Il CdS si avvale dei servizi di orientamento effettuati dal Centro di Ateneo per l'Orientamento e il Tutorato (CAOT).

Dopo aver superato tutte le verifiche delle attività formative incluse nel piano di studio e aver acquisito i relativi crediti, lo studente, indipendentemente dal numero di anni di iscrizione all’università, è ammesso a sostenere la prova finale, alla quale sono assegnati 20 CFU.

La prova finale per il conseguimento della laurea magistrale prevede che lo studente elabori un lavoro di tesi, redatta anche in lingua straniera, che abbia caratteristiche di originalità e si conformi agli standard della ricerca scientifica propri della materia, sotto la supervisione del docente titolare dell'insegnamento.

La prova finale prevede l’esposizione dinanzi ad un’apposita commissione mediante la quale si dimostri la padronanza degli argomenti trattati, autonomia di giudizio ed un buon livello di comunicazione. Essa può essere sostenuta parzialmente in lingua straniera anche quando l’argomento non sia inerente alle discipline linguistiche. La valutazione conclusiva deve tenere conto dell’intera carriera dello studente all’interno del corso di studio, della sua maturità culturale e della capacità di elaborazione intellettuale personale, dei tempi e delle modalità di acquisizione dei crediti formativi, delle valutazioni sulle attività formative precedenti e sulla prova finale. I criteri di valutazione della prova finale sono definiti nell'allegato.

Storici

Funzione nel contesto lavorativo

Condurre ricerca storica, realizzare pubblicazioni scientifiche, elaborare dati, predisporre e presentare progetti di ricerca scientifica, fornire consulenza a soggetti pubblici o private, analizzare le politiche pubbliche

Competenze associate alla Funzione

Conoscenza di eventi storici e loro cause, di indicatori e effetti sulle culture, conoscenza di comportamenti e dinamiche di gruppo, delle influenze e delle tendenze sociali e culturali.

Sbocchi Professionali

Enti Pubblici e privati, archivi e biblioteche

Specialisti in scienza politica

Funzione nel contesto lavorativo

Condurre attività di ricerca politologica, realizzare pubblicazioni scientifiche, elaborare dati, predisporre e presentare progetti di ricerca scientifica, fornire consulenza a soggetti pubblici o private, analizzare le politiche pubbliche

Competenze associate alla Funzione

Conoscenza delle leggi, dei regolamenti, del ruolo delle istituzioni, conoscenza di comportamenti e dinamiche di gruppo, delle influenze e delle tendenze sociali e culturali.

Sbocchi Professionali

Enti Pubblici e privati, partiti, sindacati

Specialisti dei sistemi economici

Funzione nel contesto lavorativo

Analizzare dati o informazioni di natura economica, fare ricerca economica, analizzare documenti o rapporti in ambito economico o finanziario, condurre indagini o rilevazioni statistiche su fenomeni economici, fornire consulenze in campo economico per supportare i processi decisionali.

Competenze associate alla Funzione

Conoscenza della struttura e dei contenuti di una lingua straniera, Conoscenza dei principi e delle pratiche di economia, Conoscenza del calcolo e della statistica e delle loro applicazioni, Conoscenza dei programmi di elaborazione di testi, delle tecniche di gestione di dati.

Sbocchi Professionali

Enti pubblici e privati, centri di ricerca.

Area Generica

Conoscenza e Comprensione

I laureati integreranno le conoscenze acquisite nel triennio nei settori attinenti alle discipline storiche, politologiche ed economiche al fine di conseguire una adeguata capacità di comprensione ed interpretazione della struttura dei fenomeni e della dinamica delle problematiche politologiche in chiave storica ed economica; essi saranno in grado di darne una chiave interpretativa originale, che possa essere utile anche ai fini di una successiva attività di studio e di ricerca. I corsi verranno realizzati, quando possibile, in lingua veicolare. I risultati dell'apprendimento saranno oggetto di verifica sulla base di prove scritte ed orali.

Con riferimento all'opzione a contenuto economico-politico, lo studente conseguirà, come primo passo della sua preparazione, un ampliamento delle proprie conoscenze nei settori disciplinari dell'economia e della scienza politica (con enfasi sull'evoluzione dello stato, delle istituzioni pubbliche e di quelle private). In particolare, lo sforzo congiunto dei diversi insegnamenti caratterizzanti è quello di preparare gli studenti a fronteggiare i problemi posti da sistemi decisionali complessi e a padroneggiare le conoscenze di tipo avanzato dei meccanismi economici posti a fondamento delle istituzioni. In tal modo, gli studenti saranno in grado di:

- conoscere le procedure ed attività di controllo dei sistemi economici, sapendo anche valutare e progettare schemi di incentivazione, procedure decisionali ed architetture istituzionali;

- leggere, con rigore scientifico, analisi statistiche complesse, analisi di fattibilità di progetti e programmi;

- illustrare in prospettiva storica l'evoluzione delle istituzioni e delle loro interrelazioni attraverso lo studio scienze economiche;

- comprendere l'evoluzione strutturale che caratterizza la crescita delle moderne economie industriali e post-industriali.

Con riferimento all'opzione a contenuto storico politologico, lo studente conseguirà, come primo passo della sua preparazione, un ampliamento delle proprie conoscenze nei settori disciplinari della storia, delle scienze della politica e del diritto. In particolare lo sforzo congiunto dei diversi insegnamenti caratterizzanti è quello di preparare lo studente a fronteggiare i problemi posti dalla dimensione internazionale e dalla prospettiva comparata dei problemi storici, politologici e giuridici. In tal modo lo studente sarà in grado di:

- conoscere in prospettiva storica, politologica e giuridica le istituzioni;

- essere capace di analizzare il funzionamento delle istituzioni e delle forme della politica non solo nel loro impianto giuridico-formale e organizzativo, ma anche nel loro stretto collegamento con i diversi contesti storici e con le idee che le hanno generate;

- sviluppare capacità per interpretare i diversi processi politico-istituzionali in una prospettiva mondiale;

- acquisire strumenti di interpretazione teorica dei fondamenti epistemologici comuni alle scienze della storia, della politica e del diritto.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

Il corso di laurea intende fornire una formazione di livello avanzato a carattere peculiarmente interdisciplinare, tale da consentire una capacità di lettura e un pieno dominio critico dei fenomeni e dei processi storico-politici ed economico-istituzionali, grazie alla conoscenza dei loro diversi aspetti e condizionamenti. La comprensione e le capacità di applicazione delle conoscenze saranno portate a livello avanzato in modo che risultino totalmente autonome per applicazione e ampliamento. La particolare educazione interdisciplinare consentirà agli studenti di applicare le loro conoscenze in ambiti complessi come, ad esempio, tutte le problematiche europee in cui è richiesta l'adozione comparata della prospettiva storica, politologica e giuridica oppure in ambiti quali lo sviluppo economico e sociale di un territorio e l'analisi dell'impatto socio economico di politiche di respiro anche internazionale .

Il laureato sarà in grado di:

- dimostrare dimestichezza con la struttura e l'evoluzione delle principali istituzioni coinvolte nei processi economici e nel disegno delle politiche, avendo cura di identificarne la dimensione allargata e la prospettiva globale;

- affinare la sensibilità per cogliere il complesso rapporto tra tradizione e innovazione nei processi politici e istituzionali;

- collegare la dimensione storica ed economica con quella teorico-politologica;

- elaborare in piena autonomia risposte progettuali adeguate e porre in essere soluzioni operative originali, innovative ed efficaci in relazione alle istanze e ai problemi propri dei molteplici settori di intervento tipicamente aperti al laureato in Scienze politiche

Al fine di sviluppare le capacità di applicare conoscenza e comprensione in modo critico ed autonomo, il tradizionale metodo di insegnamento sarà completato con una formazione articolata in seminari tematici, finalizzati ad affrontare casi concreti e della prassi istituzionale, nell'ambito dei quali gli studenti saranno invitati a suggerire e sostenere in modo convincente argomentazioni, interpretazioni, soluzioni. Inoltre, gli insegnamenti saranno organizzati in modo da prevedere sessioni di studio individuale su tematiche specifiche in cui sarà richiesto allo studente di approfondire i più recenti contributi della letteratura scientifica internazionale, fornendo a riguardo interpretazioni individuali basate sulla lettura interdisciplinare del fenomeno. La verifica dell'apprendimento avverrà sulla base di elaborati scritti individuali e/o di gruppo(report, studi di caso, progetti di ricerca, etc.).

Area Giuridica

Conoscenza e Comprensione

•Conoscenze per la comprensione del progetto costituzionale di disciplina dei fenomeni religiosi e della produzione europea che integra quel progetto, nonché della insufficiente attuazione di quei principi e la discriminatoria tutela delle organizzazioni religiose diverse dalla chiesa cattolica.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

•Capacità di interpretare e distinguere le principali relazioni giuridiche in materia religiosa, in riferimento sia all'aspetto storico che ai recenti esiti della globalizzazione e del multiculturalismo, con particolare riferimento alle problematiche relative alla religiosità individuale e collettiva organizzata nel vigente contesto giuridico.

Area Economica

Conoscenza e Comprensione

•Conoscenza dei modelli di crescita in contesti dualistici e non; dei modelli di base di concorrenza perfetta, monopolio e oligopolio;

•Conoscenza dei metodi matematici usati in letteratura economica per la comprensione di articoli (in particolare di macroeconomia) di livello avanzato;

•Conoscenza dei principali modelli di analisi macroeconomica e della operatività delle politiche di stabilizzazione;

•Conoscenza dei principali metodi e modelli statistici utilizzati per descrivere, interpretare e prevedere fenomeni sia di tipo amministrativo sia, più in generale, di tipo economico e politico;

•Conoscenza delle contrapposte posizioni critiche in materia di politica economica, con particolare riferimento al funzionamento del mercato del lavoro

•Conoscenza sulle principali trasformazioni dell’economia occidentale in rapporto anche alle teorie economiche.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

•Capacità di applicare gli strumenti teorici per individuare, in un’ottica comparata, le determinanti della crescita dei paesi;

•Capacità di applicare i modelli allo studio dei problemi di scelta individuale e delle interazioni di mercato in condizioni di incertezza e asimmetria informativa;

•Capacità di utilizzare modelli teorici per interpretare le principali patologie dei sistemi economici: crisi, inflazione, disoccupazione, debito pubblico;

•Capacità di utilizzare software di analisi statistica per la soluzione delle problematiche tipiche dell’analisi di dati di tipo non-sperimentale;

•Capacità di comprendere le differenti soluzioni proposte dalla politica economica

•Capacità di comprendere l’evoluzione dei sistemi economici

Area Storica

Conoscenza e Comprensione

•Conoscenza della forma-partito nei sistemi rappresentativi contemporanei;

•Conoscenze delle ideologie degli imperi (Spagna, Francia ed Inghilterra) in età moderna;

•Conoscenza dei processi, dalla seconda metà dell’800, relativi alla diffusa ed accelerata tendenza all’internazionalizzazione, in relazione all’evoluzione degli stati nazionali ed al loro tentativo di governare il mercato mondiale.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

•Capacità di applicare modelli per distinguere e interpretare le diverse tipologie di partito;

•Capacità di identificare nell’esperienza imperiale romana il modello politico-ideologico di riferimento per gli europei di età moderna;

•Capacità di decodificare il dibattito scientifico e per ricostruire le dinamiche tra vecchio continente e resto del mondo dalla rivoluzione industriale a quella informatica in età contemporanea.

Area Politologica

Conoscenza e Comprensione

•Conoscenza dei fattori strutturali e contingenti all’opera nelle dinamiche del mutamento sociale in prospettiva comparata;

•Conoscenza del pensiero politico moderno e contemporaneo;

•Conoscenza delle modalità di formazione dei soggetti politici, con particolare attenzione al populismo e alle tecniche comunicative;

•Conoscenze dei diversi dispositivi di governo.

•Conoscenze delle problematiche di genere

•Conoscenze teoriche e metodologiche utili per l’analisi delle politiche pubbliche

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

•Capacità di applicare modelli di analisi a fenomeni di mutamento sociale nei processi di modernizzazione e globalizzazione;

•Capacità di connettere la teoria politica con le problematiche storiche e istituzionali; di rapportarsi criticamente ai soggetti politici in modo tale da organizzare all’interno delle più importanti tecniche di governo percorsi di agency attiva per obiettivi di natura politica.

•Capacità di utilizzare le conoscenze sulle questioni di genere per l’analisi delle politiche di genere

•Capacità di utilizzare gli strumenti dell’analisi delle politiche pubbliche per la gestione delle pratiche politiche

Economia e Scienze della Politica
Storia e Scienze della Politica
Specialisti dei sistemi economici2.5.3.1.1
Storici2.5.3.4.1
Specialisti in scienza politica2.5.3.4.3
Annamaria AMATO
Francesco AMORETTI
Laura BAZZICALUPO
Alfonso CONTE
Valdo D'ARIENZO
Giuseppe FOSCARI
Antonio MARTONE
Giuseppina AUTIERO
Giuseppe FOSCARI
Alfonso CONTE
Michele LA ROCCA
Valdo D'ARIENZO
Antonio MARTONE
Francesco AMORETTI
Laura BAZZICALUPO
Concetto Paolo VINCI
Alessandra PETRONE
Domenico MADDALONI
Valerio TOZZI
Roberto PARRELLA
Annamaria AMATO
MIRKO PACIFICO
ANNA SICA
MARIKA AVERSA
MARIA CHIARA GAMBILONGO
DARIO MANNINA