SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

StrutturaDIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE, SOCIALI E DELLA COMUNICAZIONE
Anno Accademico2017/2018
Tipo di CorsoCORSO DI LAUREA
NormativaD.M. 270/2004
Anni3
Crediti180
ClasseL-20 - Classe delle lauree in Scienze della comunicazione

Il corso triennale (I° livello) di Scienze della comunicazione dell'Università di Salerno nasce nel 1990 e si radica nell'esperienza didattica e di ricerca della Facoltà di Lettere e Filosofia e, oggi, del Dipartimento di Scienze Politiche, Sociali e della Comunicazione. Il corso, dalla struttura multidisciplinare, offre una formazione teorico-pratica, di base, caratterizzante e professionale, in vari settori innovativi del mercato del lavoro della società della conoscenza: dall'editoria al giornalismo, dai mezzi di comunicazione di massa tradizionali (cinema, tv, fumetto...) ai nuovi media digitali, dal marketing alla comunicazione pubblica, dalla pubblicità alla comunicazione politica.

Il corso ha durata triennale ed è articolato in n. 180 Cfu.

L'accesso al corso è disciplinato da un test d'accesso.

Per essere ammessi al Corso di Laurea occorre essere in possesso del diploma di scuola secondaria di secondo grado o di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo. Per essere ammessi al corso di laurea sono altresì richieste conoscenze relative a elementi di logica, di informatica di base, di linguistica e di semiotica generale, di inglese; elementi introduttivi di storia dei media e delle tecnologie della comunicazione; elementi di educazione civica e di cultura generale.

Il livello di approfondimento delle conoscenze di base richiesto è quello previsto nei programmi di studio delle scuole secondarie di secondo grado.

L'adeguatezza della preparazione iniziale dello studente è verificata in ingresso secondo modalità disciplinate nel regolamento didattico del corso. Nel caso in cui la verifica non sia positiva sono assegnati specifici obblighi formativi aggiuntivi (OFA) da soddisfare nel primo anno di corso, nelle forme previste dal Regolamento didattico del corso di studio.

L'Ateneo promuove diverse manifestazioni di orientamento in ingresso organizzate ogni anno dal Centro di Ateneo per l'Orientamento e il Tutorato (CAOT) che coinvolgono tutti i corsi di studio dell'Ateneo e sono destinate ai potenziali futuri studenti:

- UNISAOrienta, che si svolge nei mesi di febbraio/marzo ha l'obiettivo di avvicinare i giovani in procinto di scegliere il futuro percorso di studio alla realtà universitaria e di offrire strumenti atti a favorire una scelta motivata e consapevole del percorso di studio. Nell'arco di diverse giornate, organizzate in sinergia con i Dipartimenti e con i corsi di studio dell'Ateneo, docenti universitari svolgono seminari di orientamento, finalizzati, in particolare, ad illustrare i requisiti di ammissione, gli obiettivi formativi e gli sbocchi occupazionali di tutti i Corsi di studio attivi presso l'Università degli Studi di Salerno.

- Future matricole in Campus – Visita guidata ai luoghi e alle risorse per lo studio”, finalizzata ad offrire agli studenti degli Istituti di Istruzione Superiore la possibilità di trascorrere un'intera giornata nel contesto universitario e di visitare le strutture ed i servizi attivi nel Campus di Fisciano.

Studenti con disabilità o disturbi specifici di apprendimento possono usufruire dei molteplici servizi garantiti dal Servizio Disabilità e Disturbi Specifici di Apprendimento, attivato ai sensi della legge 17/99 e legge 170/2010, afferente all'Ufficio Diritto allo Studio e coordinato dal Delegato del Rettore per la disabilità. Il Servizio effettua colloqui individuali di analisi dei bisogni con gli studenti in presenza o a distanza; un'equipe di figure professionali fornisce informazioni e consulenza sui servizi loro dedicati, sulle richieste di ausili durante lo svolgimento delle prove di accesso, sulle agevolazioni economiche, e sull'accessibilità ai luoghi dell'Ateneo.

Per maggiori informazioni: http://www.disabilidsa.unisa.it/”

La prova finale consiste nell’esposizione in seduta pubblica dinanzi ad una apposita commissione di un elaborato scritto su uno specifico argomento.

La valutazione conclusiva tiene conto dell’intera carriera dello studente all’interno del corso di studio, dellasuamaturità culturale e della capacità di elaborazione intellettuale personale, dei tempi e delle modalità di acquisizione dei crediti formativi e di ogni altro elemento ritenuto rilevante.

Il contenuto e le modalità di svolgimento della prova finale e i criteri di attribuzione del voto sono specificati nel Regolamento didattico del corso di studio. .

Comunicatore esperto

Funzione nel contesto lavorativo

Comunicatore interno ed esterno nel mondo delle istituzioni e delle imprese, pubbliche e private; addetto al marketing e alla pubblicità; esperto nell'uso, nella ricerca e nel trattamento di immagini e di repertori testuali da archivi off-line e online; esperto comunicatore nelle imprese di servizio, pubbliche e private; redattore e comunicatore nelle imprese editoriali tradizionali e innovative.

Competenze associate alla Funzione

Gli sbocchi occupazionali previsti dal Corso di laurea triennale si identificano con l'erogazione di competenze legate a vari risultati attesi descrivibili in termini di "sapere" e "saper fare" per:

(a) le professioni nei settori legati al trattamento dei dati linguistici e delle immagini fisse e in movimento e delle relative tecnologie (costruzione, implementazione e gestione di motori di ricerca, strutture ipertestuali, basi di dati locali e distribuite), in relazione alle nuove competenze richieste nell'editoria sia tradizionale che multimediale e nelle applicazioni legate alle scienze cognitive;

(b) le professioni di comunicatore nelle imprese di broadcasting, giornalistiche, audiovisive e multimediali; di addetto al marketing e alla pubblicità nelle imprese audiovisive; di progettista e addetto alla gestione di eventi culturali; di progettista di formati di comunicazione audiovisiva nei settori dell'editoria a stampa e della produzione audiovisiva e in quelli dell'innovazione multimediale;

(c) le professioni di comunicatore pubblico e tecnico delle relazioni pubbliche, di portavoce e addetto stampa (L. 7-6-2000 n. 150: disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni); di addetto qualificato ed esperto in marketing e comunicazione d'impresa; di esperto di pubblicità commerciale nelle agenzie di comunicazione; di comunicatore dei sistemi territoriali locali.

Sbocchi Professionali

Imprese dei servizi

Industria

Istituzioni pubbliche e private

Prosecuzione degli studi nei Corsi di Laurea Magistrale o in Master di I° Livello.

Area delle discipline linguistiche, semiotiche e della psicologia

Conoscenza e Comprensione

Lo studente di Scienze della Comunicazione svilupperà la conoscenza e la comprensione dei sistemi simbolici e dei processi cognitivi soggiacenti alle lingue naturali, con particolare riferimento alla sintassi, al lessico e agli aspetti fondamentali dell'analisi morfo-fonologica dell'italiano. Lo studente maturerà competenze nell'uso delle principali tipologie di lettura e scrittura, nella capacità di comprensione, analisi e produzione di elaborati (report, testi, piani) relativi alla comunicazione parlata e scritta, e adeguati agli specifici contesti. La componente linguistica degli studi sarà coadiuvata dall'esercizio di uno sguardo semiotico sui diversi testi, relativamente alla loro organizzazione sui diversi piani.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

Al termine del percorso formativo, lo studente dovrà essere in grado di progettare e realizzare un prodotto comunicativo utilizzando sia i tradizionali strumenti testuali sia le nuove tecnologie; dovrà applicare i modelli studiati nelle discipline semiotiche, linguistiche e psicologiche per analizzare corpora di lingue naturali anche con strumenti informatici. Dovrà inoltre essere in grado di effettuare un’analisi di tali corpora in base agli strumenti concettuali e operativi forniti dalle scienze cognitive e riguardanti i presupposti percettivi, linguistici, concettuali e di pensiero alla base della comprensione e produzione di testi orali e scritti. L'intento è quello di potenziare gli strumenti per un'analisi e interpretazione delle diverse forme testuali, considerandone le categorie semantiche profonde e l'organizzazione delle sostanze espressive.

Area delle discipline sociologiche e mediologiche

Conoscenza e Comprensione

Lo studente di Scienze della Comunicazione dovrà acquisire conoscenze teoriche e pratiche negli ambiti della sociologia della comunicazione e dei media, con particolare attenzione ai processi culturali, riferiti sia alla dimensione sociale e che a quella individuale, che si sviluppano nei passaggi e nelle trasformazioni dai “vecchi” media (stampa, teatro, cinema, fumetto, radio, televisione nel corso del Novecento) ai nuovi media digitali e interattivi, con specifico interesse alle forme della comunicazione orale-scritta e a quella audiovisiva.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

Al termine del percorso di studi, il laureato avrà acquisito piena autonomia di analisi e capacità di applicare le competenze maturate negli ambiti della sociologia della comunicazione e dei media e quelle apprese nello studio dei processi culturali e comunicativi sottesi alle varie piattaforme mediali. Sarà in grado di progettare prodotti comunicativi che seguano le diverse logiche di funzionamento sia nell’ambito dei “vecchi” che dei “nuovi” media, applicando i principali strumenti teorico-metodologici delle scienze sociali e delle nuove ipotesi metodologiche sorte nell’ambito delle recenti ricerche mediologiche.

Area delle discipline giuridiche, storico-politiche e filosofiche

Conoscenza e Comprensione

Lo studente di Scienze della Comunicazione dovrà acquisire conoscenze di base di diritto (pubblico, privato e comparato applicato ai processi di comunicazione), di storia contemporanea (con particolare riferimento alle vicende politiche, sociali e culturali del 900), di scienza politica (con particolare riferimento al crescente ruolo dei media o, in alternativa, ai processi di mediatizzazione), e di filosofia della scienza.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

Al termine del percorso formativo, lo studente dovrà applicare le conoscenze nell’ambito giuridico, storico, politologico e filosofico per svolgere analisi critiche e operare collegamenti interdisciplinari nell’affrontare questioni e problematiche specifiche della comunicazione a livello sia teorico che empirico.

Area delle discipline manageriali e di comunicazione d’impresa

Conoscenza e Comprensione

Al termine del percorso formativo, lo studente dovrà essere in grado di conoscere e comprendere le modalità di funzionamento delle imprese e degli enti. A tal fine, dovrà presidiare i principi di base, i modelli e gli strumenti per l'organizzazione e il management dei sistemi for profit e non profit che interagiscono nella società in cui operano, allo scopo di realizzare finalità ed obiettivi che li caratterizzano. Dovrà, in particolare, avere conoscenza e comprensione dei principi, delle tecniche e delle strumentazioni quali-quantitative del marketing e della comunicazione d'impresa che, a livello strategico e operativo, garantiscono la corretta impostazione del processo decisionale e di controllo dei risultati, per lo sviluppo e il successo delle organizzazioni imprenditoriali.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

Al termine del percorso formativo, lo studente maturerà la capacità di implementare il bagaglio di conoscenze riguardanti i principi, i modelli, le tecniche e le strumentazioni organizzative, manageriali e di marketing e comunicazione d'impresa, nell’ambito di un processo di problem-solving che, a partire dagli obiettivi di volta in volta prefissati, coinvolge le fasi di ricerca dei dati, di analisi di scenario, di valutazione delle possibili opzioni, di scelta delle condotte e di misurazione dei risultati delle attività aziendali poste in essere.

Area delle metodologie, dell'analisi e delle tecniche della comunicazione

Conoscenza e Comprensione

Lo studente di Scienze della Comunicazione svilupperà la conoscenza e la comprensione degli strumenti teorici e pratici (metodologie e tecniche) per l'analisi dei processi della comunicazione ed operare all'interno di essa. Lo studente dovrà apprendere i fondamenti epistemologici della ricerca sociale, nonché i temi fondamentali e delle categorie principali del disegno industriale e dell’estetica, con particolare riferimento alle teorie dell'immagine.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

Al termine del percorso formativo, lo studente svilupperà la capacità di applicare le conoscenze sugli strumenti teorici e pratici (metodologie e tecniche) della comunicazione per partecipare ai processi produttivi comunicazione, nelle fasi che vanno dalla progettazione sino alla post-produzione. Dovrà essere in grado di analizzare artefatti comunicativi, tra cui quelli relativi al linguaggio grafico, infografico e multimediale, applicato al processo progettuale dalla formazione dell’idea sino alla fase di post-produzione.

Scienze della Comunicazione e Impresa
Scienze della Comunicazione
Scienze della Comunicazione Digitale ed Editoria
Tecnici del marketing3.3.3.5.0
Tecnici della pubblicità3.3.3.6.1
Tecnici delle pubbliche relazioni3.3.3.6.2
Agenti di pubblicità3.3.4.4.0
Tecnici dell'organizzazione della produzione radiotelevisiva, cinematografica e teatrale3.4.3.2.0
Felice ADDEO
Francesco AMORETTI
Anna CICALESE
Virgilio D'ANTONIO
Ernesto D'AVANZO
Giustino DE BUERIIS
Mario MONTELEONE
Paolo PICIOCCHI
Daniela VELLUTINO
Simonetta VIETRI
Daniela VELLUTINO
Maria Gabriella STANZIONE
Agostino VOLLERO
Maria Giovanna CONFETTO
Stefania LEONE
Felice ADDEO
Diana SALZANO
Alessia Giuditta
Francesco Pannullo
Serena Prisco
Gerardo Ragosa
Giulia Cirillo