SCIENZE STATISTICHE PER LA FINANZA

StrutturaDIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E STATISTICHE
Anno Accademico2017/2018
Tipo di CorsoCORSO DI LAUREA MAGISTRALE
NormativaD.M. 270/2004
Anni2
Crediti120
ClasseLM-83 - Classe delle lauree magistrali in Scienze statistiche attuariali e finanziarie

Il corso di Laurea Magistrale in Scienze Statistiche per la Finanza ha durata biennale per complessivi 120 CFU. Il corso si prefigge di formare esperti nell'uso di strumenti matematico-statistici per le analisi quantitative in campo finanziario ed assicurativo, dell'economia monetaria e finanziaria, del mondo bancario e assicurativo e della previdenza. Attraverso tali conoscenze, opportunamente integrate da quelle giuridiche (con riferimento ai mercati finanziari), gli studenti saranno in grado di elaborare ed applicare idee originali nel campo economico-finanziario.

L'iter degli studi favorisce una chiara comprensione delle dinamiche dei mercati finanziari, fornisce abilità nel risolvere i relativi problemi, e permette l'acquisizione di conoscenze che consentiranno l'utilizzo di strumenti quantitativi e software specifici nel campo dell'economia e della finanza in una pluralità di contesti lavorativi. A tal fine nell'erogazione della formazione ci si avvarrà dell'aula didattica e multimediale del Dipartimento di Scienze economiche e statistiche (DISES).

Gli studenti avranno inoltre la possibilità di accedere a software specialistici e banche dati economico-finanziarie presso i laboratori di ricerca del DISES.

Gli studenti saranno messi in grado di affrontare le problematiche del mondo finanziario e assicurativo in relazione ai servizi di consulenza finanziaria e gestione di portafogli di investitori e istituzioni, ed anche di valutare gli aspetti organizzativi, normativi e di vigilanza legati all'attività degli intermediari finanziari.

Altre caratteristiche degne di nota in questo corso di studio sono l'integrazione delle conoscenze acquisite con la gestione della complessità del rischio nel mondo bancario, finanziario e assicurativo, e la formazione di profili professionali idonei a risolvere i problemi strategico-operativi ricorrenti nell'ambito delle attività economiche e finanziarie, oltre che a formulare valutazioni e previsioni attendibili e professionali finalizzate al raggiungimento degli obiettivi tipici di istituzioni ed imprese.

I laureati magistrali del CdS possono accedere all'esame di stato per l'abilitazione all'esercizio della professione di attuario. In campo internazionale, inoltre, la formazione ottenuta prepara al conseguimento di qualificazioni prestigiose come il Diploma CIIA (Certified International Investment Analyst).

Possono iscriversi alla Laurea Magistrale in Scienze Statistiche per la Finanza, afferente al Dipartimento di Scienze Economche e Statistiche:

a) i possessori di una laurea di primo livello rilasciata da una istituzione accademica, ovvero di titolo equipollente rilasciato da istituzioni italiane od estere riconosciute;

b) i possessori di una laurea del vecchio ordinamento quadriennale, ovvero di titolo equipollente rilasciato da istituzioni italiane od estere riconosciute.

In aggiunta al precedente requisito, è necessario aver superato esami per almeno 30 CFU riconducibili ad almeno 3 dei settori scientifico-disciplinari seguenti: SECS-P/01; SECS-P/02; SECS-P/05; SECS-S/01; SECS-S/03; SECS-S/04; SECS-S/05; SECS-S/06; IUS/01; MAT/03; MAT/05; MAT/06; MAT/09; ING-INF/05.

In ogni caso, i laureati devono aver conseguito il titolo di studio di primo livello con un voto di laurea almeno pari a 90/110.

Per l'iscrizione al corso di laurea magistrale è altresì richiesto il possesso di una adeguata personale preparazione verificato secondo modalità indicate nel Regolamento didattico del Corso di studi disponibile al link

http://www.dises.unisa.it/didattica/regolamenti/index

Il Delegato all' Orientamento in entrata è la Prof.ssa Valeria D'Amato, coadiuvata dalla Commissione orientamento in entrata e in itinere, di cui è disponibile la composizione al link http://www.dises.unisa.it/dipartimento/commissioni?dettaglio=219

La prova finale consiste nella redazione e discussione di una tesi (alla quale sono attribuiti 15 CFU), elaborata in modo originale su un argomento concordato con il docente di una disciplina scelta nell'ambito del percorso formativo.

Il relatore provvederà ad individuare, in accordo con lo studente, il tema di ricerca da sviluppare e le modalità di stesura della tesi. In sede di discussione finale, il candidato potrà avvalersi di supporti visivi.

La discussione della tesi avrà luogo in apposite sedute pubbliche. Per l'assegnazione del voto finale, il punteggio base dello studente sarà costituito dalla media dei voti conseguiti nel curriculum, ponderata per il numero dei CFU e convertita in centodecimi, approssimata all'intero più vicino. Tale punteggio potrà essere poi incrementato in considerazione dei seguenti aspetti:

- tesi con contributi originali particolarmente significativi;

- capacità di analisi critica della letteratura e della prassi.

Agli studenti che avranno goduto di una borsa di studio Erasmus, semestrale oppure annuale, verrà attribuito un incremento del voto finale pari a 1 punto.

Il regolamento Prove Finali e Tesi è reperibile al link

http://www.dises.unisa.it/didattica/regolamenti/index

Statistici (2.1.1.3.2)

Funzione nel contesto lavorativo

I laureati conducono ricerche su concetti e teorie fondamentali della scienza attuariale e della statistica, incrementano la conoscenza scientifica in materia, applicano le relative teorie e tecniche per raccogliere, analizzare e sintetizzare informazioni, per definire modelli di interpretazione dei dati, per individuare soluzioni statistiche da adottare nei vari settori della produzione di beni e servizi e della stessa ricerca scientifica.

Competenze associate alla Funzione

I laureati sono in grado di analizzare dati o produrre elaborazioni statistiche, redigere e presentare rapporti o documenti scientifici, predisporre piani di controllo per validare la qualità del dato statistico, applicare teorie e tecniche statistiche al fine di raccogliere e sintetizzare i dati o le informazioni, fare ricerca scientifica, progettare o gestire strumenti informatici (programmi, database, software, ecc.), realizzare pubblicazioni scientifiche (articoli, saggi, libri, ecc.), coordinare o partecipare a gruppi di lavoro o di ricerca, fornire consulenze statistico-metodologiche, organizzare e supervisionare lo svolgimento delle indagini statistiche, partecipare al dibattito scientifico (attraverso la partecipazione a conferenze, convegni, seminari, ecc.), calcolare errori e modelli di errore delle stime prodotte, progettare indagini statistiche, definire piani di campionamento, progettare o predisporre questionari, interpretare dati statistici, realizzare o sperimentare attività di diffusione dei risultati e delle informazioni, svolgere attività didattica.

Sbocchi Professionali

- Statistico.

- Statistico applicato.

- Statistico economico.

- Statistico esperto in controlli di qualità.

- Attuario.

- Esperto in ricerca operativa.

- Demografo.

Specialisti in attività finanziarie (2.5.1.4.3)

Funzione nel contesto lavorativo

Il laureato ha sviluppato abilità e competenze idonee ad esaminare, analizzare ed interpretare le informazioni necessarie per formulare pareri, preparare indicazioni e proposte su questioni finanziarie. Egli è altresì in grado di condurre transazioni finanziarie assicurando la conformità con le leggi e i regolamenti relativi, di svolgere analisi quantitative su programmi e piani di investimento, di determinare il grado di rischio nel fornire crediti a persone o a organizzazioni. Infine, il laureato può valutare, autorizzare e definire le modalità di corresponsione di prestiti e le condizioni per la loro garanzia e la loro restituzione.

Competenze associate alla Funzione

Il laureato è in grado di fornire consulenze finanziarie ai clienti, di valutare il grado di rischio di credito della clientela, di effettuare analisi finanziarie (relative a flussi aziendali, mercati, ecc.), di seguire progetti di sviluppo finanziario per le imprese (studiare i bilanci, sviluppare business plan, valutare gli investimenti, ecc.), di amministrare o emettere prodotti finanziari, di acquisire e analizzare informazioni finanziarie, di gestire il portafoglio di aziende o istituti bancari, di formulare pareri di carattere finanziario, di predisporre piani di investimenti sul mercato, di vendere al pubblico i prodotti finanziari.

Sbocchi Professionali

- Istituti bancari.

- Enti finanziari.

- Società dedite ad attività di borsa o di cambi.

- Attuario.

Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze economiche e statistiche (2.6.2.6.0)

Funzione nel contesto lavorativo

I laureati collaborano con i docenti universitari e li coadiuvano nella progettazione e nella realizzazione delle attività didattiche e curricolari, seguono le attività di studio degli studenti, progettano e conducono in ambito accademico ricerche teoriche e sperimentali finalizzate ad ampliare e ad innovare la conoscenza scientifica o la sua applicazione in ambito produttivo, garantiscono il funzionamento dei laboratori e delle attrezzature scientifiche, definiscono e applicano protocolli scientifici nelle sperimentazioni di laboratorio e nelle iniziative di ricerca. Tali attività vengono condotte nell’ambito delle scienze economiche e statistiche.

Competenze associate alla Funzione

I laureati sono in grado di svolgere attività didattica, fare ricerca scientifica teorica e applicata, realizzare pubblicazioni scientifiche (articoli, saggi, libri, ecc.), coordinare o partecipare a gruppi di lavoro o di ricerca, assegnare e seguire tesi (di laurea, di dottorato o di specializzazione), curare gli aspetti organizzativi della didattica, assistere gli studenti, organizzare convegni o seminari, partecipare al dibattito scientifico (attraverso la partecipazione a conferenze, convegni, seminari, ecc.), predisporre e presentare progetti di ricerca scientifica, studiare i fenomeni sociali, analizzare ed elaborare dati o informazioni, proporre metodologie e/o modelli per descrivere fenomeni o fare previsioni.

Sbocchi Professionali

- Assegnista di ricerca.

- Ricercatore universitario.

- Tecnico laureato.

- Economista.

- Statistico.

- Econometrico.

- Attuario.

Il Corso di Studio nel suo complesso

Conoscenza e Comprensione

I Laureati Magistrali in Scienze Statistiche per la Finanza devono:

-possedere un’approfondita conoscenza dei modelli quantitativi comunemente impiegati per l’analisi finanziaria e per il controllo e la gestione dei rischi finanziari;

-possedere un’ottima padronanza degli strumenti metodologici per la costruzione e gestione di sistemi assicurativi efficienti;

-possedere una buona conoscenza della normativa giuridica che disciplina i mercati finanziari ed assicurativi;

-possedere un’ottima conoscenza dei moderni strumenti derivati fatti oggetto di transazione sui mercati finanziari (options, futures, swaps ed altri strumenti collegati) nonché della relativa tecnica di contrattazione;

-avere padronanza di strumenti software di natura specialistica per l´analisi e la gestione di basi dati in campo finanziario

Le modalità a cui si farà ricorso per lo sviluppo delle conoscenze e della capacità di comprensione sono: lezioni frontali, seminari, gruppi di studio e di lavoro, lettura guidata di specifici testi ed articoli di approfondimento, analisi e discussione di casi studio, interazione con il docente. Le modalità con le quali i risultati di apprendimento verranno verificati sono: test, questionari, esercizi da svolgere, prove orali.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

Il laureato in questa Laurea Magistrale acquisirà gli strumenti analitici e concettuali per risolvere problemi inerenti l’analisi finanziaria nei suoi diversi aspetti (statistici, matematici, economici, giuridici) quali la gestione di portafogli e la costruzione di sistemi efficienti per la gestione dei rischi finanziari.

Le capacità di applicare conoscenza e comprensione verranno sviluppate attraverso le seguenti modalità didattiche: discussione di casi studio, analisi di problemi reali in sede di stesura della tesi laurea, affidamento di project works. I risultati dell’apprendimento verranno valutati attraverso la discussione di project works, prove scritte, colloqui orali.

Area Statistica

Conoscenza e Comprensione

Il laureato avrà acquisito gli strumenti metodologici per comprendere nozioni e modelli quantitativi avanzati finalizzati all’analisi statistica dei mercati e del loro grado di rischio (misure di rendimento e di volatilità, modelli stocastici, analisi di varianze e covarianze, procedure di ottimizzazione dei portafogli). Avrà inoltre approfondito le conoscenze statistiche in contesti multivariati (con le relative variabili casuali), le nozioni relative alla teoria dei modelli parametrici lineari e non lineari (utili per analizzare le relazioni fra fenomeni economici) e quelle di inferenza statistica con stimatori di massima verosimiglianza.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

La formazione del laureato risulterà utile per effettuare analisi statistiche dei mercati monetari e finanziari e, in particolare, della loro struttura di rischio. Tale attitudine sarà sperimentata già durante le attività formative, quando sarà proposto l’esame di casi concreti (riguardanti i settori economico, finanziario e assicurativo) e il diretto utilizzo dei diversi strumenti statistici presentati. Il laureato sarà quindi messo in grado di governare alcuni problemi complessi tipici della gestione economico-finanziaria delle imprese, del risk management aziendale, e della elaborazione e valutazione di contratti finanziari.

Area Economico-giuridica

Conoscenza e Comprensione

Il laureato possederà un set di conoscenze sul funzionamento dei mercati finanziari e sulle caratteristiche delle istituzioni che in essi operano (sia pubbliche che private), oltre che sulle possibili forme di regolamentazione e sui modelli quantitativi che li disciplinano. Egli sarà altresì in grado di interpretare il comportamento economico dei singoli soggetti che operano nei mercati finanziari, e di comprendere le condizioni che li rendono strumento di coordinamento delle decisioni individuali. Avrà approfondito ruolo, struttura e funzionamento dei mercati degli strumenti derivati (cogliendo le interrelazioni fra le diverse convenienze degli utilizzatori, ovvero intermediari finanziari ed imprese). Infine, avrà acquisito gli strumenti concettuali adeguati per analizzare in modo critico la disciplina giuridica dell’intermediazione finanziaria e delle società quotate nelle sue diverse articolazioni.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

Grazie al bagaglio di conoscenze acquisito, il laureato saprà valutare il profilo rischio-rendimento dei vari strumenti finanziari, comprendere la struttura e le caratteristiche dei mercati in cui essi vengono scambiati, interpretare i principali fenomeni finanziari che caratterizzano il funzionamento di un sistema economico, e cogliere le problematiche giuridiche connesse all’esercizio dell’attività di intermediazione finanziaria. Le abilità maturate gli consentiranno inoltre di elaborare testi specialistici, rapporti e relazioni su temi di economia, finanza e assicurazioni.

Area Matematica finanziaria ed attuariale

Conoscenza e Comprensione

Il laureato sarà in possesso di nozioni sui principali modelli matematici idonei alla descrizione dei fenomeni della finanza. Tali modelli saranno studiati ed applicati con utilizzo di software specialistici. Egli avrà anche analizzato la modellistica prevalente nell’ambito della finanza quantitativa ed assicurativa, all’interno della quale verranno approfonditi gli elementi di calcolo delle probabilità ai fini di applicazioni a problemi e casi di natura finanziaria ed attuariale, ancora ricorrendo all’uso di strumenti informatici adeguati.

Capacità di applicare Conoscenza e Comprensione

Lo studio dei profili teorici dei modelli consentirà al laureato di affinare le proprie capacità di analisi dei problemi e di stimolare curiosità scientifica e attitudine alla ricerca. Le applicazioni e l’utilizzo di software ad hoc favoriranno una forma mentis operativa e moderna alla risoluzione di problemi di finanza quantitativa e di matematica attuariale. Di conseguenza, il laureato avrà maturato una predisposizione a concepire ed elaborare analisi di fenomeni e di scenari di significativa validità logica e di immediata interpretabilità operativa.

Statistici2.1.1.3.2
Specialisti in attività finanziarie2.5.1.4.3
Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze economiche e statistiche2.6.2.6.0
Valeria D'AMATO
Antonio FASANO
Francesco GIORDANO
Maria Grazia ROMANO
Marilena SIBILLO
Giuseppe STORTI
Antonio FASANO
Valeria D'AMATO
Marcella NIGLIO
Giuseppe STORTI
Gaetano Esposito
Stefania Arenare
Rosario Catalano
Domenico Ricci
Sonia Vitolo
Salvatore Perrotta