STORIA DEL TEATRO E DELLA DRAMMATURGIA ANTICA

Lettere STORIA DEL TEATRO E DELLA DRAMMATURGIA ANTICA

0312600056
DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI
CORSO DI LAUREA
LETTERE
2016/2017



ANNO CORSO 3
ANNO ORDINAMENTO 2008
SECONDO SEMESTRE
CFUOREATTIVITÀ
630LEZIONE
Obiettivi
L CORSO SI PROPONE DI AVVIARE GLI STUDENTI, ANCHE SPROVVISTI DI UNA FORMAZIONE CLASSICA, ALLA CONOSCENZA DELLA DRAMMATURGIA ANTICA, GRECA E LATINA, E DI FORNIRE LORO STRUMENTI E COMPETENZE SPECIFICHE, ANCHE IN FUNZIONE DELLE ESIGENZE CONNESSE ALLE MODERNE RAPPRESENTAZIONI DEL TEATRO CLASSICO.
Prerequisiti
NESSUN PREREQUISITO
Contenuti
IL CORSO SI ARTICOLA IN TRE MODULI: IL PRIMO, DI CARATTERE GENERALE, VERTE SUI MODI E LE FORME DELL’EVENTO TEATRALE IN GRECIA E A ROMA; IL SECONDO E IL TERZO, DI TAGLIO MONOGRAFICO, ESAMINANO,
ATTRAVERSO LA LETTURA IN TRADUZIONE DEI TESTI, LA FIGURA DELLA DONNA E DELLO SCHIAVO SULLA SCENA DEL TEATRO ANTICO. IN DETTAGLIO, L’ARTICOLAZIONE DEL CORSO È LA SEGUENTE:

I MODULO (10 ORE = 2 CFU)
TITOLO: LE RAPPRESENTAZIONI TEATRALI IN GRECIA E A ROMA.

II MODULO (10 ORE = 2 CFU)
TITOLO: MEDEA E LA QUESTIONE FEMMINILE NELLA GRECIA CLASSICA.

III MODULO (10 ORE = 2 CFU)
TITOLO: PSEUDOLO: IL TRIONFO DEL SERVO. FINZIONE SCENICA E SUBALTERNITÀ SOCIALE NELLA ROMA MEDIOREPUBBLICANA.

AVVERTENZE: DURANTE IL CORSO SARANNO FORNITI ELEMENTI ESSENZIALI DI BIBLIOGRAFIA CRITICA. SI RACCOMANDA LA FREQUENZA.

Metodi Didattici
IL METODO DIDATTICO SI BASA SUI SEGUENTI CRITERI:
CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:
CONOSCENZA DEGLI ELEMENTI FONDAMENTALI DEL TEATRO ANTICO NELL’ARTICOLAZIONE DEI GENERI E NEL CONTESTO STORICO DI RIFERIMENTO; CAPACITÀ DI COMPRENSIONE DEI TESTI E DELLE TEMATICHE SOCIO-CULTURALI AD ESSI SOTTESE.
CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:
CAPACITÀ DI TRASFERIRE LE AQUISITE CONOSCENZE E ABILITÀ ESEGETICHE SIA NEL CAMPO DELL’ANALISI CRITICA DEI TESTI DRAMMATICI ANTICHI, NEI LORO MOLTEPLICI ASPETTI E PROBLEMI, SIA NEL CAMPO DELLE MODERNE RIVISITAZIONI E RAPPRESENTAZIONI DI TALI TESTI.
AUTONOMIA DI GIUDIZIO:
FORMAZIONE DI UNA CAPACITÀ DI VALUTAZIONE AUTONOMA E SCIENTIFICAMENTE FONDATA DEI TESTI DEL TEATRO ANTICO.
ABILITÀ COMUNICATIVE:
CAPACITÀ DI COMUNICARE ANCHE AD UNA PLATEA DI NON SPECIALISTI I CONTENUTI DELLO SPECIFICO CAMPO DI STUDI MEDIANTE APPROPRIATE FORME ESPRESSIVE E CONCETTUALI.
CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO:
ACQUISIZIONE DEGLI ELEMENTI E DELLE COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA, QUALE BASE DI UNA ECLETTICA E VERSATILE ABILITÀ COGNITIVA, IN GRADO ANCHE DI INTERAGIRE CON I CONTENUTI DI ALTRE AREE DISCIPLINARI.
Verifica dell'apprendimento
ESAME FINALE ORALE.
LA VALUTAZIONE SARÀ BASATA SUI SEGUENTI CRITERI:
1)CAPACITÀ DI ESPOSIZIONE (PROPRIETÀ DI LINGUAGGIO, COERENZA LOGICA);
2)LIVELLO DI PADRONANZA DEGLI ARGOMENTI;
3)CAPACITÀ DI ELABORAZIONE PERSONALE E DI ANALISI CRITICA.
Testi
I MODULO (10 ORE = 2 CFU)
U. ALBINI - G. PETRONE, STORIA DEL TEATRO. I GRECI – I ROMANI, GARZANTI, MILANO 1992, PP. 11-152; 347-429.

II MODULO (10 ORE = 2 CFU)
EURIPIDE, MEDEA, INTRODUZIONE DI V. DI BENEDETTO, TRADUZIONE DI E. CERBO, BUR, MILANO 2004.

III MODULO (10 ORE = 2 CFU)
TITO MACCIO PLAUTO, PSEUDOLO, INTRODUZIONE DI C. QUESTA, TRADUZIONE DI M. SCANDOLA, BUR, MILANO 2003.

AVVERTENZE: DURANTE IL CORSO SARANNO FORNITI ELEMENTI ESSENZIALI DI BIBLIOGRAFIA CRITICA. SI RACCOMANDA LA FREQUENZA.
Altre Informazioni
....
  BETA VERSION Fonte dati ESSE3 [Ultima Sincronizzazione: 2019-03-11]