GRAMMATICA GRECA E LATINA

Lettere GRAMMATICA GRECA E LATINA

0312600014
DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI
CORSO DI LAUREA
LETTERE
2017/2018

ANNO CORSO 3
ANNO ORDINAMENTO 2015
SECONDO SEMESTRE
CFUOREATTIVITÀ
630LEZIONE
Obiettivi
IL CORSO SI PROPONE DI FORNIRE AGLI STUDENTI DEL CORSO DI LAUREA IN LETTERE UN’APPROFONDITA CONOSCENZA DELLE STRUTTURE MORFOLOGICHE E SINTATTICHE DELLE LINGUE GRECA E LATINA, ANCHE AL FINE DI UN PERFEZIONAMENTO DEI METODI E DELLE TECNICHE DI ANALISI TESTUALE.
Prerequisiti
NESSUN PREREQUISITO
Contenuti
IL CORSO SI ARTICOLA IN TRE MODULI: IL PRIMO E IL SECONDO, DI CARATTERE ISTITUZIONALE, VERTONO SULLA FLESSIONE VERBALE, GRECA E LATINA, CON APPROFONDIMENTI DI MORFOLOGIA E DI SINTASSI STORICA; IL TERZO, DI TAGLIO MONOGRAFICO, PRENDE IN ESAME SPECIFICI TESTI GRECI E LATINI, AL FINE DI ILLUSTRARE ALCUNE PECULIARITÀ DEL LESSICO POLITICO DI ETÀ IMPERIALE. IN PARTICOLARE, FORMERANNO OGGETTO DI STUDIO I TESTI DI PLUTARCO, AD PRINCIPEM INDOCTUM E DI PLINIO IL GIOVANE, PANEGIRICO A TRAIANO.
Metodi Didattici
IL METODO DIDATTICO SI BASA SUI SEGUENTI CRITERI:
CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:
CONOSCENZA APPROFONDITA DELLE STRUTTURE LINGUISTICHE DEL GRECO E DEL LATINO (FONETICA, MORFOLOGIA, SINTASSI) E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE DEI TESTI NEI LORO VALORI FORMALI E DI CONTENUTO.
CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:
CAPACITÀ DI TRASFERIRE LE CONOSCENZE E LE ABILITÀ ACQUISITE NEL CAMPO PIÙ GENERALE DELL'ANALISI LINGUISTICA E DELLA CRITICA LETTERARIA.
AUTONOMIA DI GIUDIZIO:
FORMAZIONE DI UNA CAPACITÀ DI VALUTAZIONE AUTONOMA E SCIENTIFICAMENTE ORIENTATA DEI TESTI LETTERARI ANTICHI.
ABILITÀ COMUNICATIVE:
CAPACITÀ DI COMUNICARE ANCHE AD UNA PLATEA DI NON SPECIALISTI I CONTENUTI DELLO SPECIFICO CAMPO DI STUDI MEDIANTE APPROPRIATE FORME ESPRESSIVE E CONCETTUALI.
CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO:
ACQUISIZIONE DEGLI ELEMENTI E DELLE COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA, QUALE BASE DI UNA ECLETTICA E VERSATILE ABILITÀ COGNITIVA, IN GRADO ANCHE DI INTERAGIRE CON I CONTENUTI DI ALTRE AREE DISCIPLINARI.
Verifica dell'apprendimento
ESAME FINALE ORALE.
LA VALUTAZIONE SARÀ BASATA SUI SEGUENTI CRITERI:
1)CAPACITÀ DI ESPOSIZIONE (PROPRIETÀ DI LINGUAGGIO, COERENZA LOGICA);
2)LIVELLO DI PADRONANZA DEGLI ARGOMENTI;
3)CAPACITÀ DI ELABORAZIONE PERSONALE E DI ANALISI CRITICA.


Testi
D. PIERACCIONI, MORFOLOGIA STORICA DELLA LINGUA GRECA, D'ANNA, MESSINA-FIRENZE 1988, PP. 125-241.

L. TUSA MASSARO, SINTASSI DEL GRECO ANTICO E TRADIZIONE GRAMMATICALE, L'EPOS, PALERMO 1995, PP. 95-208.

F. CUPAIUOLO, PROBLEMI DI LINGUA LATINA, LOFFREDO, NAPOLI 1991, PP. 189-248.

A. TRAINA - T. BERTOTTI, SINTASSI NORMATIVA DELLE LINGUA LATINA. TEORIA, CAPPELLI, BOLOGNA 1993, PP. 204-317.

PLUTARCO, A UN GOVERNANTE NON COLTO, IN PLUTARCO, CONSIGLI AI POLITICI, A CURA DI G. GIARDINI, BUR, MILANO 1995, PP. 319-337.

PLINIO IL GIOVANE, PANEGIRICO A TRAIANO, A CURA DI L. LENAZ, BUR, MILANO 2000, VOL. II, CAPP. 1-10.
Altre Informazioni
....
  BETA VERSION Fonte dati ESSE3 [Ultima Sincronizzazione: 2019-05-14]