DRAMMATURGIA

Discipline delle Arti Visive, della Musica e dello Spettacolo DRAMMATURGIA

4312400019
DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEL PATRIMONIO CULTURALE
CORSO DI LAUREA
DISCIPLINE DELLE ARTI VISIVE, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO
2022/2023

OBBLIGATORIO
ANNO CORSO 2
ANNO ORDINAMENTO 2020
SECONDO SEMESTRE
CFUOREATTIVITÀ
945LEZIONE
Obiettivi
OBIETTIVO GENERALE:
L’INSEGNAMENTO SI PROPONE DI FORNIRE ALLO STUDENTE I FONDAMENTI DELLA DISCIPLINA ATTRAVERSO L’ANALISI DI AUTORI, ATTORI, REGISTI E OPERE IN RAPPORTO AI PROCEDIMENTI DELLA MESSINSCENA.

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:
GLI STUDENTI ACQUISIRANNO CONOSCENZA DELL’EVOLUZIONE STORICA DELLA DRAMMATURGIA E COMPRENDERANNO LE DINAMICHE DI TRASFORMAZIONE DI UN TESTO LETTERARIO IN COPIONE DRAMMATURGICO.

CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:
GLI STUDENTI ACQUISIRANNO METODOLOGIE CRITICHE SIA PER AFFRONTARE L’ANALISI DEGLI SPETTACOLI SIA PER PRODURRE UNA PERSONALE RIFLESSIONE INTORNO ALLE PRINCIPALI TEMATICHE DELLA DRAMMATURGIA.

AUTONOMIA DI GIUDIZIO:
LO STUDENTE SVILUPPERÀ STRUMENTI CONCETTUALI E CAPACITÀ CRITICHE UTILI PER ANALIZZARE E INTERPRETARE AUTONOMAMENTE QUESTIONI METODOLOGICHE E STORICHE, FONTI, MATERIALI E LINGUAGGI SPECIFICI DEL TEATRO E DI ALTRE DISCIPLINE ARTISTICHE.

ABILITÀ COMUNICATIVE:
LO STUDENTE SAPRÀ COMUNICARE LE SUE CONOSCENZE A DIFFERENTI TIPI DI DESTINATARI (SIA AD UN PUBBLICO DI ESPERTI CHE AD UNO DI NON-SPECIALISTI), ESPRIMENDOLE MEDIANTE LE COMPETENZE SPECIFICHE E UTILIZZANDO IL REGISTRO PIÙ ADEGUATO PER CIASCUNA CIRCOSTANZA.

CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO:
LO STUDENTE SARÀ IN GRADO DI COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI COMPLESSI E UTILIZZARE GLI STRUMENTI BIBLIOGRAFICI, SIA TRADIZIONALI CHE INFORMATICI UTILI ALL’ACCRESCIMENTO DELLE PROPRIE CONOSCENZE.
Prerequisiti
NESSUNO
Contenuti
TITOLO: IL LAVORO DEL DRAMATURG.
IL CORSO PRENDERÀ IN CONSIDERAZIONE LA NOZIONE DI DRAMMATURGIA E IL VARIARE DEL SUO SIGNIFICATO IN RELAZIONE AI CONTESTI PRODUTTIVI E ALLE DINAMICHE DI CONFRONTO TRA AUTORI, ATTORI, COMMITTENZA E SPETTATORI. PRENDERÀ IN ESAME ALCUNI TESTI TEATRALI APPARTENENTI AI MOMENTI PIÙ SIGNIFICATIVI DELLA CIVILTÀ DELLO SPETTACOLO EUROPEO, OSSIA: LA TRAGEDIA GRECA; IL XVII SECOLO EUROPEO, LA COMMEDIA DELL’ARTE ITALIANA E GOLDONI; IL DRAMMA BORGHESE EUROPEO E IL TEATRO NOVECENTESCO. VERRANNO PROIETTATE E COMMENTATE LE REGISTRAZIONI DI VARI SPETTACOLI AL FINE DI EVIDENZIARE L’APPORTO DRAMMATURGICO DEGLI INTERPRETI-REALIZZATORI.
Metodi Didattici
LEZIONI, ESERCITAZIONI, WEBINARS, VIDEOPROIEZIONI DI SPETTACOLI.
Verifica dell'apprendimento
LE DOMANDE D’ESAME VERTERANNO SUI CONTENUTI DELL’INSEGNAMENTO.
GLI STUDENTI FREQUENTANTI SOSTERRANNO UNA PROVA INTERCORSO (IN FORMA DI TEST) E UNA PROVA FINALE ORALE. IL RISULTATO DEL TEST SARÀ DETERMINANTE AI FINI DELLA VALUTAZIONE FINALE. IL TEST SI SVOLGERÀ IN PRESENZA, SE LE CONDIZIONI AMBIENTALI LO CONSENTIRANNO, ALTRIMENTI SARÀ EROGATO IN MODALITÀ ONLINE.
GLI STUDENTI NON FREQUENTANTI SOSTERRANNO UNA PROVA ORALE INCENTRATA SULLA BIBLIOGRAFIA SPECIFICAMENTE LORO RIVOLTA (SI VEDA DI SEGUITO LA SEZIONE "TESTI DI RIFERIMENTO").
Testi
STUDENTI FREQUENTANTI:
JAN KOTT, DIVORARE GLI DEI, UN’INTERPRETAZIONE DELLA TRAGEDIA GRECA, MILANO, BRUNO MONDADORI, 2005.

MARIAGABRIELLA CAMBIAGHI, LE COMMEDIE IN COMMMEDIA. RAPPRESENTAZIONI TEATRALI NELLA FINZIONI SCENICA, MILANO, BRUNO MONDADORI, 2009.

PETER SZONDI, TEORIE DEL DRAMMA MODERNO, TORINO, EINAUDI, 2000.


STUDENTI NON FREQUENTANTI, OLTRE AI TESTI INDICATI PER GLI STUDENTI FREQUENTANTI SI AGGIUNGANO I TESTI SEGUENTI:
CLAUDIO MELDOLESI, FRA TOTÒ E GADDA. SEI INVENZIONI SPRECATE DEL TEATRO ITALIANO, ROMA, BULZONI, 1978.

DARIO TOMASELLO, LA DRAMMATURGIA ITALIANA CONTEMPORANEA. DA PIRANDELLO AL FUTURO, ROMA, CAROCCI, 2016.
Altre Informazioni
LA FREQUENZA È FORTEMENTE CONSIGLIATA
  BETA VERSION Fonte dati ESSE3 [Ultima Sincronizzazione: 2022-08-05]