FILOSOFIA MORALE

Educatori Professionali ed Esperti della Formazione Continua FILOSOFIA MORALE

4422300002
DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE, FILOSOFICHE E DELLA FORMAZIONE
CORSO DI LAUREA MAGISTRALE
EDUCATORI PROFESSIONALI ED ESPERTI DELLA FORMAZIONE CONTINUA
2013/2014

ANNO CORSO 1
ANNO ORDINAMENTO 2010
SECONDO SEMESTRE
CFUOREATTIVITÀ
636LEZIONE
Obiettivi
CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE: CONOSCENZA DEI FONDAMENTI DELLA FILOSOFIA MORALE, CAPACITÀ DI COMPRENDERE I PRINCIPALI AUTORI E TEMI DELLA DISCIPLINA.
CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE: CAPACITÀ DI APPLICARE LE CONOSCENZE ACQUISITE NEL CAMPO DELLA FILOSOFIA MORALE PER ANALIZZARE, PORTANDOLE A SOLUZIONE, PROBLEMATICHE PIÙ PARTICOLARI.
AUTONOMIA DI GIUDIZIO: CAPACITÀ DI INTERPRETARE CRITICAMENTE LE PROBLEMATICHE INERENTI ALLA MATERIA DI STUDIO E DI RIFLETTERE SUI TEMI PRINCIPALI, FORMANDO GIUDIZI AUTONOMI SU DI ESSI.
ABILITÀ COMUNICATIVE: CAPACITÀ DI COMUNICARE, CON PROPRIETÀ DI LINGUAGGIO, PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA FILOSOFIA MORALE A PUBBLICI DIFFERENZIATI, DI SPECIALISTI E DI NON SPECIALISTI.
CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO: ACQUISIZIONE DEI PRINCIPALI STRUMENTI DI BASE E DELLA CAPACITÀ DI FARNE USO IN MODO DA POTER AFFRONTARE AUTONOMAMENTE ULTERIORI STUDI NEL CAMPO DELLA FILOSOFIA MORALE
Prerequisiti
NESSUNO
Contenuti
LA RELAZIONE ALL'ALTRO NEI SAGGI DI MONTAIGNE

Metodi Didattici
LEZIONI FRONTALI
Verifica dell'apprendimento
ESAME ORALE. ACCERTAMENTO DELLA COMPRENSIONE E DELLA AUTONOMA ELABORAZIONE DEI CONTENUTI
Testi
1) MICHEL DE MONTAIGNE, SAGGI, TRAD. IT. DI FAUSTA GARAVINI, ADELPHI, MILANO 1992 (CAPITOLI SCELTI)

2)JEAN STAROBINSKI, MONTAIGNE, IL PARADOSSO DELL’APPARENZA, TRAD. IT. DI MARIO MUSACCHIO, IL MULINO, BOLOGNA 1984,PP. 7-55 E 121-169.
Altre Informazioni
***
  BETA VERSION Fonte dati ESSE3 [Ultima Sincronizzazione: 2016-09-30]