STORIA DELLA FILOSOFIA A+B

Filosofia STORIA DELLA FILOSOFIA A+B

0312500130
DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEL PATRIMONIO CULTURALE
CORSO DI LAUREA
FILOSOFIA
2013/2014

ANNO ORDINAMENTO 2010
SECONDO SEMESTRE
CFUOREATTIVITÀ
1STORIA DELLA FILOSOFIA A
630LEZIONE
2STORIA DELLA FILOSOFIA B
630LEZIONE
Obiettivi
CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE. LO STUDENTE SARÀ INVITATO, MEDIANTE L’ANALISI DI TESTI, TEMI E PROBLEMI, A MISURARSI CON LE CARATTERISTICHE PECULIARI DEL PENSIERO DI HEGEL. CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE. QUALE ESITO DELLA PRESENTAZIONE GUIDATA DAL DOCENTE, LO STUDENTE DOVRÀ MOSTRARE DI AVERE ACQUISITO UNA SUFFICIENTE CAPACITÀ DI INDIVIDUARE LE SPECIFICITÀ DELL’AMBITO DI STUDI PROPRIO DEL PENSIERO DI HEGEL. AUTONOMIA DI GIUDIZIO. LO STUDENTE DOVRÀ ESSERE IN GRADO DI FORMULARE AUTONOMAMENTE ADEGUATE VALUTAZIONI DELLA FILOSOFIA HEGELIANA, INDIVIDUANDO LE SPECIALI RELAZIONI CON ALTRI MODELLI DI PENSIERO. ABILITÀ COMUNICATIVE. LO STUDENTE MOSTRERÀ IN SEDE DI ESAME LA CAPACITÀ DI ESPORRE CON CHIAREZZA DIDATTICA IL PROPRIO GIUDIZIO SULLE PECULIARITÀ DEL PENSIERO FILOSOFICO NELL’AMBITO STORICO PRESO IN CONSIDERAZIONE. CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO. LA PARTECIPAZIONE AL CORSO CONSENTIRÀ ALLO STUDENTE DI ACQUISIRE METODOLOGIA E STRUMENTI ADEGUATI PER AVVIARE SERI APPROFONDIMENTI DI COMPETENZE E RICERCHE ORIGINALI SU PROBLEMI FILOSOFICI DI AMBITO MODERNO E CONTEMPORANEO ATTI A SUSCITARE IL SUO INTERESSE PERSONALE.
Prerequisiti
NESSUNO
Contenuti
DAL “KANTISMO” DEL GIOVANE HEGEL ALLO HEGEL DELLA “RELIGIONE” NELLA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO.

MOD. A
IL KANTISMO DEL GIOVANE HEGEL IN VITA DI GESÙ.

MOD. B
LA “RELIGIONE” NELLA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO.
Metodi Didattici
LEZIONE ORALE
Verifica dell'apprendimento
LE MODALITÀ DI VERIFICA DELL’APPRENDIMENTO CONSISTONO IN PROVE ORALI TRADIZIONALI, CHE SEGUONO I SEGUENTI CRITERI DI GIUDIZIO:
•<18 NON SUFFICIENTE: CONOSCENZE FRAMMENTARIE E SUPERFICIALI DEI CONTENUTI, ERRORI NELL’APPLICARE I CONCETTI, ESPOSIZIONE CARENTE
•18 - 22 SUFFICIENTE CONOSCENZA GENERALE DEI CONTENUTI, ESPOSIZIONE SEMPLICE, INCERTEZZE NELL’APPLICAZIONE DI CONCETTI TEORICI
•23 – 26 APPROPRIATA, MA NON APPROFONDITA CONOSCENZA DEI CONTENUTI, CAPACITÀ DI PRESENTARE I CONTENUTI IN MODO SEMPLICE E CHIARO, CAPACITÀ DI APPLICARE I CONCETTI TEORICI
•27 – 29 APPROPRIATA ED AMPIA CONOSCENZA DEI CONTENUTI, BUONA CAPACITÀ DI APPLICAZIONE DELLE CONOSCENZE, CAPACITÀ DI ANALISI, CAPACITÀ DI PRESENTARE I CONTENUTI IN MODO CHIARO ED ARTICOLATO
•30 - 30 E LODE CONOSCENZA DEI CONTENUTI MOLTO AMPIA, COMPLETA ED APPROFONDITA, CAPACITÀ BEN CONSOLIDATA DI APPLICARE I CONTENUTI, OTTIMA CAPACITÀ DI ANALISI, DI SINTESI E DI COLLEGAMENTI INTERDISCIPLINARI, PADRONANZA DI ESPOSIZIONE
Testi
MOD. A
G. W. F. HEGEL, VITA DI GESÙ, A C. DI A. NEGRI, LATERZA, ROMA-BARI 2008;
A. NEGRI, INTRODUZIONE A G. W. F. HEGEL, VITA DI GESÙ, A C. DI A. NEGRI, LATERZA, ROMA-BARI 2008.

MOD. B
G. W. F. HEGEL, FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO, A C. DI E. DE NEGRI, LA NUOVA ITALIA, FIRENZE 1998 (G. W. F. HEGEL, FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO, A C. DI G. CANTILLO, VOL. II, ED. DI STORIA E LETTERATURA, ROMA 2008), IN PARTICOLARE PP. 417-482.
J. HYPPOLITE, GENESI E STRUTTURA DELLA “FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO” DI HEGEL, TR. IT. DI G. A. DE TONI, LA NUOVA ITALIA, FIRENZE 1999, IN PARTICOLARE PP. 653-703.
Altre Informazioni
NESSUNA
  BETA VERSION Fonte dati ESSE3 [Ultima Sincronizzazione: 2016-09-30]