STORIA ROMANA

Filologia, Letterature e Storia dell'Antichità STORIA ROMANA

0322200056
DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI
CORSO DI LAUREA MAGISTRALE
FILOLOGIA, LETTERATURE E STORIA DELL'ANTICHITÀ
2013/2014

OBBLIGATORIO
ANNO CORSO 1
ANNO ORDINAMENTO 2010
PRIMO SEMESTRE
CFUOREATTIVITÀ
945LEZIONE
Obiettivi
IL CORSO SI PROPONE DI FAR APPROFONDIRE LE CONOSCENZE DI STORIA ROMANA ACQUISITE NEL TRIENNIO, E DI GUIDARE GLI STUDENTI ALLA CONOSCENZA E ALLA COMPRENSIONE DELLE PRINCIPALI PROBLEMATICHE SCIENTIFICHE E TECNICHE RELATIVE ALLA COSTRUZIONE DI OPERE IDRAULICHE IN EPOCA ROMANA, NONCHÉ ALLA METODOLOGIA DELLA RICERCA. IN PARTICOLARE:
A- (CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE): L'APPROFONDIMENTO DELLE CONOSCENZE DI STORIA ROMANA, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE OPERE IDRAULICHE IN EPOCA ROMANA, ED AL TEMA DELLA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE NEI SUOI DIVERSI ASPETTI LEGISLATIVI E AMMINISTRATIVI E NELLE SUE IMPLICAZIONI SOCIO-ECONOMICHE.
B- (CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE): LA CAPACITÀ DI SAPER LEGGERE UNA FONTE LETTERARIA O EPIGRAFICA NEL SUO CONTESTO, E DI EFFETTUARE GLI OPPORTUNI COLLEGAMENTI TRA I FENOMENI; LA CAPACITÀ DI UTILIZZARE GLI STRUMENTI DELLA DISCIPLINA E LE CONOSCENZE ACQUISITE (LINGUISTICHE, FILOLOGICHE E STORICHE) NELL'ESEGESI DEI TESTI ANTICHI NELL'AMBITO DI UNA INDAGINE STORICA; LA CAPACITÀ DI PORRE DOMANDE A UN TESTO, DI LEGGERE I DOCUMENTI ED I TESTI DELLA TRADIZIONE E DI CONDURRE UNA RICERCA SU ARGOMENTI PERTINENTI ALLA DISCIPLINA, COME NELL'ESEMPIO PROPOSTO: L'INDAGINE SULL'ACQUEDOTTO AUGUSTEO DELLA CAMPANIA, INFRASTRUTTURA IDRAULICA CON UNA FUNZIONE ESSENZIALE PER L'ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO.
C- (AUTONOMIA DI GIUDIZIO): LA CAPACITÀ DI UTILIZZARE IL METODO CRITICO NELLO STUDIO DELLE FONTI ANTICHE E DELLA BIBLIOGRAFIA MODERNA; LA CAPACITÀ DI DELINEARE AUTONOMAMENTE E CON SENSO CRITICO LE PROBLEMATICHE DI UN ARGOMENTO DI RICERCA STORICA E DI IMPOSTARE UN LAVORO RIGOROSO E INNOVATIVO.
D- (ABILITÀ COMUNICATIVE): LA CAPACITÀ DI COMUNICARE I DATI E I RISULTATI DI UN LAVORO STORICO E DI FORMULARE E ARGOMENTARE RIFLESSIONI IN FORMA CORRETTA.
E- (CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO): IL PERFEZIONAMENTO DELLE CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO IN PIENA AUTONOMIA; L'ACQUISIZIONE DI UNA CORRETTA METODOLOGIA DELLA RICERCA.
Prerequisiti
E' NECESSARIA UNA CONOSCENZA DI BASE DEL MONDO CLASSICO, E UNA BUONA CONOSCENZA DELLA STORIA ROMANA. AUSPICABILE LA CONOSCENZA DELLA LINGUA LATINA E DELLA LINGUA GRECA.
Contenuti
1. SCIENZA E TECNICA NELLA COSTRUZIONE DI OPERE IDRAULICHE DEL MONDO ROMANO.
2. LEGISLAZIONE E AMMINISTRAZIONE DELLE RISORSE IDRICHE.
3. RAPPORTO TRA OPERA IDRAULICA E TERRITORIO.
Metodi Didattici
LEZIONE FRONTALE. DURANTE IL CORSO SARÀ DATO AMPIO SPAZIO ALLA LETTURA E AL COMMENTO DI FONTI ANTICHE E DI MATERIALE DOCUMENTARIO.
Verifica dell'apprendimento
COLLOQUIO ORALE TESO A VALUTARE IL LIVELLO DI APPRENDIMENTO DELLA DISCIPLINA E LA CAPACITÀ DI RIELABORAZIONE CRITICA DEGLI ARGOMENTI.
CRITERI DI VALUTAZIONE DELL'ESAME SARANNO:
1. CAPACITÀ DI ESPRIMERSI CON CHIAREZZA E CON UN LINGUAGGIO APPROPRIATO, UTLIZZANDO TERMINI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA;
2. CAPACITÀ DI INSERIRE GLI EVENTI DELLA STORIA IN UN PRECISO QUADRO D'INSIEME LOGICO, CRONOLOGICO E GEOGRAFICO;
3. CAPACITÀ DI SELEZIONARE I DATI, EVIDENZIANDO CORRETTAMENTE QUELLI SIGNIFICATIVI;
4. CAPACITÀ DI ARTICOLARE UN DISCORSO COMPLESSO, DIMOSTRANDO L'ACQUISIZIONE DI UNA MENTALITÀ STORICA, E LA CAPACITÀ DI ILLUSTRARE LE CONNESSIONI CON ALTRI AMBITI DISCIPLINARI.
Testi
1. R. CATALANO, "INTUS IN TENEBRIS. SCIENZA E TECNICA NELLE OPERE IPOGEE ROMANE", ARTE TIPOGRAFICA, NAPOLI 2007.
2. A.D. BIANCO, "AQUA DUCTA, AQUA DISTRIBUTA. LA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE IN ETÀ ROMANA", SILVIO ZAMORANI EDITORE, TORINO 2007, (I-III).
3. F. GALLI, "SESTO GIULIO FRONTINO. GLI ACQUEDOTTI DI ROMA", LECCE 1997 (O ALTRA EDIZIONE).
4. R. CATALANO, "ACQUA E ACQUEDOTTI ROMANI. FONTIS AUGUSTEI AQUAEDUCTUS", ARTE TIPOGRAFICA, NAPOLI 2003.
5. A. MOMIGLIANO, "MANUALE DI STORIA ROMANA", A CURA DI A. MASTROCINQUE, UTET, TORINO, 2011 (PER TUTTI GLI STUDENTI CHE NON HANNO SOSTENUTO NEL TRIENNIO UN ESAME DI STORIA ROMANA; VEDI "ALTRE INFORMAZIONI").
Altre Informazioni
PREREQUISITO ESSENZIALE DEL CORSO È UNA BUONA CONOSCENZA DELLA STORIA ROMANA. TUTTI GLI STUDENTI CHE NON HANNO SOSTENUTO NEL TRIENNIO UN ESAME DI STORIA ROMANA, IN PARTICOLARE GLI STUDENTI DEI CORSI MAGISTRALI DI FILOLOGIA MODERNA, DI FILOSOFIA E DI SCIENZE PEDAGOGICHE, E COLORO CHE SEGUONO IL CORSO SINGOLO, SONO TENUTI A STUDIARE ANCHE L'INTERA STORIA ROMANA, UTILIZZANDO IL TESTO DI A. MOMIGLIANO, "MANUALE DI STORIA ROMANA", A CURA DI A. MASTROCINQUE, UTET, TORINO, 2011 (N. 5).
I PUNTI 1,2,3 DEL CORSO E I TESTI 1,2,3 E 4 CORRISPONDONO UNITARIAMENTE A 9 CFU; I PUNTI 1,2,3 DEL CORSO E I TESTI 2,3 E 4 CORRISPONDONO UNITARIAMENTE A 6 CFU; I PUNTI 1 E 3 DEL CORSO E I TESTI 2 E 4 CORRISPONDONO UNITARIAMENTE A 4 CFU.
  BETA VERSION Fonte dati ESSE3 [Ultima Sincronizzazione: 2016-09-30]