ESTETICA A

Filosofia ESTETICA A

0312500021
DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEL PATRIMONIO CULTURALE
CORSO DI LAUREA
FILOSOFIA
2021/2022

ANNO ORDINAMENTO 2016
PRIMO SEMESTRE
CFUOREATTIVITÀ
630LEZIONE
Obiettivi
OBIETTIVO GENERALE
INTRODURRE ALLE QUESTIONI FONDAMENTALI DELLA DISCIPLINA ESTETICA, FORNENDONE LE LINEE DI SVILUPPO, I METODI, LE PROBLEMATICHE, MEDIANTE UNA ANALISI DEL COMPLESSO SPAZIO DEL SENTIRE E DELLA MANIERA IN CUI QUEST’ULTIMO TROVA LA SUA FORMA DI ESPRESSIONE NELL’ARTE COME IMMAGINE, SECONDO LA PROSPETTIVA IN CUI L’ARTE SI RIVELA ESSERE STRATEGIA DI CONOSCENZA SEGNATA DA MODALITÀ SUE PROPRIE.

CONOSCENZA E COMPRENSIONE
FORNIRE GLI STRUMENTI PER ORIENTARSI NELL’ATTUALE DIBATTITO FILOSOFICO PRESTANDO PARTICOLARE ATTENZIONE ALLE TEMATICHE PIÙ SQUISITAMENTE ESTETICHE.
LO STUDENTE:
-CONOSCERÀ UN TEMA, O UN AUTORE, O UN’OPERA DELLA TRADIZIONE ESTETICA ATTRAVERSO LA LETTURA DI TESTI SPECIFICI CONTESTUALIZZATI ALL’INTERNO DELLA TRADIZIONE.
-COMPRENDERÀ IL RUOLO SPECIFICO DEL TEMA, DELL’AUTORE O DELL’OPERA OGGETTO DEL CORSO NELLA RIFLESSIONE FILOSOFICA GENERALE.
-COMPRENDERÀ LE RELAZIONI TRA TESTI SPECIFICI E LA PRODUZIONE TESTUALE DEL CONTESTO FILOSOFICO-CULTURALE.

CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE
LO STUDENTE SARÀ IN GRADO DI:
-INTERPRETARE I TESTI FONDAMENTALI DELLA STORIA DELL’ESTETICA NEL CONTESTO DELLA RIFLESSIONE FILOSOFICA PIÙ GENERALE
-CONFRONTARE I RISULTATI DELLA RIFLESSIONE ESTETICA NELLE DIVERSE EPOCHE
-ELABORARE AUTONOMAMENTE UN PERCORSO STORICO-CRITICO NELL’AMBITO DELLA DISCIPLINA.

AUTONOMIA DI GIUDIZIO
LO STUDENTE SARÀ IN GRADO DI:
-VALUTARE CRITICAMENTE IL CONTENUTO DI TESTI COMPLESSI.
-DISCERNERE I CONTESTI STORICO-CULTURALI CHE INFLUENZANO UNA DETERMINATA PRODUZIONE TESTUALE.
-SELEZIONARE STRUTTURE CONCETTUALI E ARGOMENTATIVE UTILI ALLA COMPRENSIONE DEL MONDO CONTEMPORANEO.

ABILITÀ COMUNICATIVE
LO STUDENTE SARÀ IN GRADO DI:
-COMUNICARE LE CONOSCENZE ACQUISITE CON ARGOMENTAZIONI CHIARE E UN LINGUAGGIO ACCESSIBILE.
-RAPPRESENTARE E COMUNICARE, MEDIANTE TESTI O STRUMENTI VIRTUALI, RISULTATI DI RICERCHE O ELABORAZIONI PROPRIE.

CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO
LO STUDENTE SARÀ IN GRADO DI:
-SVOLGERE ATTIVITÀ DI RICERCA, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI COMPLESSI, DI TIPO SCIENTIFICO-UMANISTICO;
-PROCEDERE ALL’AGGIORNAMENTO CONTINUO DELLE PROPRIE CONOSCENZE, UTILIZZANDO LA LETTERATURA TECNICA E SCIENTIFICA.
Prerequisiti
NESSUNO
Contenuti
IL CORSO INTENDE RENDERE CONTO DELLA DECOSTRUZIONE DELLA NOZIONE DI "METAFORA" ELABORATA ALL'INTERNO DEL DISCORSO FILOSOFICO IN OPPOSIZIONE ALLA NOZIONE DI "SENSO PROPRIO", ESSENZIALE PER LA DEFINIZIONE METAFISICA DI VERITÀ. ATTRAVERSO LA LETTURA DEI TESTI CHE JACQUES DERRIDA HA DEDICATO A TALE DECOSTRUZIONE, VERRANNO ESAMINATE LE PRINCIPALI TAPPE - DA ARISTOTELE A RICOEUR, PASSANDO PER NIETZSCHE E HEGEL - DELL'ELABORAZIONE FILOSOFICA DELLA NOZIONE DI "METAFORA" PER RILEVARNE LA TENUTA CONCETTUALE.
Metodi Didattici
LETTURA, COMMENTO E DISCUSSIONE DEI TESTI IN PROGRAMMA. CONFRONTO CON LE INTERPRETAZIONI PIÙ SIGNIFICATIVE.
Verifica dell'apprendimento
LA PROVA CONSISTE IN UN ESAME ORALE VOLTO A VERIFICARE LA PREPARAZIONE DELLO STUDENTE E L’IDONEITÀ AD UTILIZZARE LE CONOSCENZE SPECIFICHE DELLA MATERIA NEL CAMPO DELLA ESTETICA. NEL CORSO DEL COLLOQUIO VERRÀ VALUTATA LA CAPACITÀ DI SAPER COMUNICARE IN MODO CHIARO E UNIVOCO LE CONOSCENZE CONTENUTISTICHE E METODOLOGICHE ACQUISITE.
Testi
J. DERRIDA, "LA MITOLOGIA BIANCA. LA METAFORA NEL TESTO FILOSOFICO", IN J. DERRIDA, MARGINI, DELLA FILOSOFIA, TRAD. IT. DI M. IOFIRDA, TORINO, EINAUDI, 1997. PP. 273-349.

J. DERRIDA, "IL RITRARSI DELLA METAFORA", IN J. DERRIDA, PSYCHÉ. INVENZIONI DELL'ALTRO, TRAD. IT. DI R. BALZAROTTI, MILANO, JACA BOOK, VOL. I, 2008. PP. 67-102
Altre Informazioni
LETTURE CONSIGLIATE: R. GASCHÉ, DIETRO LO SPECCHIO. JACQUES DERRIDA E LA FILOSOFIA DELLA RIFLESSIONE, TRAD. IT. A CURA DI M. SENATORE E F. VITALE, MILANO-UDINE, MIMESIS, 2013.
  BETA VERSION Fonte dati ESSE3 [Ultima Sincronizzazione: 2021-09-16]