TECNOLOGIE INFORMATICHE DEI SISTEMI DI CONTROLLO

Ingegneria Informatica TECNOLOGIE INFORMATICHE DEI SISTEMI DI CONTROLLO

0612700018
DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE ED ELETTRICA E MATEMATICA APPLICATA
CORSO DI LAUREA
INGEGNERIA INFORMATICA
2022/2023



OBBLIGATORIO
ANNO CORSO 3
ANNO ORDINAMENTO 2017
PRIMO SEMESTRE
CFUOREATTIVITÀ
432LEZIONE
18ESERCITAZIONE
18LABORATORIO


AppelloData
TECNOLOGIE INFORMATICHE DEI SISTEMI DI28/02/2023 - 09:00
TECNOLOGIE INFORMATICHE DEI SISTEMI DI28/02/2023 - 09:00
Obiettivi
L’INSEGNAMENTO È FOCALIZZATO SULL’IMPIEGO DELLE TECNOLOGIE INFORMATICHE NEI SISTEMI DI CONTROLLO E DI AUTOMAZIONE.

CONOSCENZE E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE
•CONTROLLORI LOGICI INDUSTRIALI.
•LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE PER CONTROLLORI LOGICI INDUSTRIALI.
•PROGETTO DI SISTEMI DI CONTROLLO LOGICO SEQUENZIALE. SISTEMI PER L’ACQUISIZIONE DATI, MONITORAGGIO E CONTROLLO SUPERVISIVO.
CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE APPLICATE
•SELEZIONARE, DIMENSIONARE, CONFIGURARE E PROGRAMMARE CONTROLLORI LOGICI INDUSTRIALI.
•SVILUPPARE E VALIDARE CONTROLLORI LOGICO-SEQUENZIALI CON AMBIENTI DI SIMULAZIONE ED EMULAZIONE.
•SELEZIONARE, DIMENSIONARE, CONFIGURARE PIATTAFORME SOFTWARE PER LA REALIZZAZIONE DI SISTEMI PER L’ACQUISIZIONE DATI, MONITORAGGIO E CONTROLLO SUPERVISIVO.
•SELEZIONARE RETI E BUS DI CAMPO PER SISTEMI DI AUTOMAZIONE.
Prerequisiti
PREREQUISITI: PER IL PROFICUO RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI PREFISSATI SONO RICHIESTE CONOSCENZE DI BASE SUI REGOLATORI STANDARD E SUGLI ALGORITMI DI CONTROLLO DIGITALE. QUESTE CONOSCENZE POSSONO ESSERE ACQUISITE NEL CORSO DI FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI. È RICHIESTA ANCHE UNA CONOSCENZA DI BASE DI PROGRAMMAZIONE DEI CALCOLATORI, RETI DI CALCOLATORI E SISTEMI OPERATIVI.

CORSI PROPEDEUTICI: NESSUNO.
Contenuti
UNITÀ 1: PROGRAMMAZIONE DEI DISPOSITIVI DI CONTROLLO INDUSTRIALI
(ORE LEZIONE/ ESERCITAZIONI/ LABORATORIO 14/10/2)
1 – (2 ore lezione) - LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE DELLO STANDARD IEC 61131. VARIABILI E TIPI DI VARIABILI.
2 – (2 ore lezione) - TESTO STRUTTURATO, DIAGRAMMI A BLOCCHI FUNZIONALI, LISTA ISTRUZIONI. INTRODUZIONE AL LINGUAGGIO A CONTATTI.
3 – (2 ore lezione) - LINGUAGGIO A CONTATTI. FUNZIONI.
4 – (2 ore lezione) - BLOCCHI FUNZIONALI. UNITÀ DI ORGANIZZAZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE NELLO STANDARD IEC 61131-3.
5 – (2 ore lezione) - INTRODUZIONE AL LINGUAGGIO SFC. SINTASSI E SEMANTICA DI UN GRAFO SFC.
6 – (2 ore lezione) – Esempi di programmazione in SFC.
7 – (2 ore esercitazione) - Esercitazione sulla programmazione in SFC.
8 – (2 ore esercitazione) - Esercitazione sulla progettazione con impiego dei blocchi funzionali.
9 – (2 ore esercitazione) - Esercitazione sulla progettazione con impiego dei blocchi funzionali.
10 – (2 ore lezione) – Traduzione SFC con elementi innovativi.
11 – (2 ore esercitazione) - Esercitazione sulla progettazione con impiego dei blocchi funzionali e SFC con elementi innovativi
12 – (2 ore esercitazione) - Esercitazione sulla progettazione con impiego dei blocchi funzionali e SFC con elementi innovativi
13 – (2 ore laboratorio) - Esercitazione su programmazione in ladder e blocchi funzionali mediante l’impiego di un PLC virtuale commerciale.
CONOSCENZE E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:
•LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE PER CONTROLLORI LOGICI INDUSTRIALI.
CONOSCENZE E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE APPLICATE:
•SVILUPPO DI UN PROGRAMMA PER CONTROLLORI LOGICI INDUSTRIALI.

UNITÀ 2 - DISPOSITIVI DI CONTROLLO INDUSTRIALI (ORE LEZIONE/ ESERCITAZIONI/ LABORATORIO 4/2/0)
14 – (2 ore lezione) – Dispositivi per il controllo: requisiti. Controllori monolitici, con architettura a bus e basati su PC.
15 – (2 ore lezione) – Il controllore a logica programmabile): PRINCIPI OPERATIVI, CONFIGURAZIONE I/O, MODULI DI ESPANSIONE.
16 – (2 ore esercitazione) – Selezione, configurazione e dimensionamento di un controllore logico industriale.
CONOSCENZE E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:
•CONTROLLORI LOGICI INDUSTRIALI.
CONOSCENZE E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE APPLICATE:
•SELEZIONARE, DIMENSIONARE, CONFIGURARE CONTROLLORI LOGICI INDUSTRIALI.

UNITÀ 3 - CONTROLLO DISTRIBUITO (ORE LEZIONE/ ESERCITAZIONI/ LABORATORIO 6/2/0)
17 – (2 ore lezione) – Piramide CIM. Reti per l’automazione
18 – (2 ore lezione) – Sistemi SCADA
19 – (2 ore lezione) – Architetture di controllo.
20 – (2 ore esercitazione) – Esercitazione sulla configurazione di un sistema SCADA.
CONOSCENZE E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:
•SISTEMI PER L’ACQUISIZIONE DATI, MONITORAGGIO E CONTROLLO SUPERVISIVO.
CONOSCENZE E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE APPLICATE:
•DIMENSIONARE, CONFIGURARE PIATTAFORME SOFTWARE PER LA REALIZZAZIONE DI SISTEMI PER L’ACQUISIZIONE DATI, MONITORAGGIO E CONTROLLO SUPERVISIVO.
•SELEZIONARE RETI E BUS DI CAMPO PER SISTEMI DI AUTOMAZIONE.

UNITÀ 4 - CICLO DI SVILUPPO DEL SOFTWARE E DEI SISTEMI Di AUTOMAZIONE (ORE LEZIONE/ ESERCITAZIONI/ LABORATORIO 2/0/6)
21 – (2 ore lezione) – CICLO DI SVILUPPO E DI VITA DEL SOFTWARE e DEI SISTEMI PER L’AUTOMAZIONE. VALIDAZIONE DEL PROGETTO MEDIANTE SIMULATORI ED EMULATORI.
22 – (2 ore laboratorio) – Esercitazione sulla validazione di un software per l'automazione mediante impiego di un ambiente di simulazione ed emulazione commerciale.
23 – (2 ore laboratorio) – Esercitazione sulla validazione di un software per l'automazione mediante impiego di un ambiente di simulazione ed emulazione commerciale.
24 – (2 ore laboratorio) – Esercitazione sulla validazione di un software per l'automazione mediante impiego di un ambiente di simulazione ed emulazione commerciale.
CONOSCENZE E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:
•PROGETTAZIONE DI SISTEMI DI CONTROLLO LOGICO SEQUENZIALE.
CONOSCENZE E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE APPLICATE:
•SVILUPPARE E VALIDARE CONTROLLORI LOGICO-SEQUENZIALI CON AMBIENTI DI SIMULAZIONE ED EMULAZIONE.
TOTALE ORE LEZIONE/ESERCITAZIONE/LABORATORIO 26/14/8
Metodi Didattici
LEZIONI, ESERCITAZIONI IN AULA ED IN LABORATORIO. DURANTE LE ESERCITAZIONI IN AULA, I PROBLEMI SONO ASSEGNATI, RISOLTI E DISCUSSI. DURANTE LE ESERCITAZIONI IN LABORATORIO I PROBLEMI ASSEGNATI SONO RISOLTI ED IMPLEMENTATI SU ARCHITETTURE DI CONTROLLO INDUSTRIALI E VALIDATI MEDIANTE EMULATORI DI PROCESSO.
Verifica dell'apprendimento
LA PROVA D’ESAME È FINALIZZATA A VALUTARE NEL SUO COMPLESSO: LA CONOSCENZA E LA CAPACITÀ DI COMPRENSIONE DEI CONCETTI PRESENTATI AL CORSO; LA CAPACITÀ DI APPLICARE TALI CONOSCENZE PER LA RISOLUZIONE DI PROBLEMI DI CONTROLLO DI SISTEMI DI AUTOMAZIONE; L’AUTONOMIA DI GIUDIZIO, LE ABILITÀ COMUNICATIVE E LA CAPACITÀ DI APPRENDERE.
L’ESAME CONSISTE IN UNA PROVA SCRITTA ARTICOLATA IN UN PROGETTO DI UN ALGORITMO DI CONTROLLO PER UN SEMPLICE SISTEMA DI AUTOMAZIONE E NELLA RISPOSTA IN FORMA SCRITTA A DOMANDE SUGLI ARGOMENTI DEL CORSO. L’ALGORITMO DEVE ESSERE IMPLEMENTABILE SU UN DISPOSITIVO DI CONTROLLO COMPATIBILE CON GLI STANDARD INDUSTRIALI.
LA VALUTAZIONE DELLE RISPOSTE ALLE DOMANDE SUGLI ARGOMENTI DEL CORSO TERRÀ CONTO DELLE CONOSCENZE DIMOSTRATE DALLO STUDENTE E DEL GRADO DEL LORO APPROFONDIMENTO E DELLA QUALITÀ DELL’ESPOSIZIONE IN FORMA SCRITTA.
UNA PROVA ORALE POTREBBE ESSERE RICHIESTA IN CASO DI DUBBI SULLA VALUTAZIONE.
LA VALUTAZIONE FINALE SARÀ ESPRESSA IN TRENTESIMI, LA LODE POTRÀ ESSERE ATTRIBUITA AGLI STUDENTI CHE OLTRE A SVOLGERE CORRETTAMENTE LA PROVA, DIMOSTRINO DI SAPER APPLICARE LE CONOSCENZE ACQUISITE CON CHIAREZZA ED AUTONOMIA.
IN BASE ALLE DECISIONI DEL CONSIGLIO DIDATTICO POTREBBERO ESSERE SVOLTE PROVE INTRACORSO.
Testi
P. CHIACCHIO, F. BASILE, TECNOLOGIE INFORMATICHE PER L’AUTOMAZIONE, MC GRAW HILL, 2004.

MATERIALE DIDATTICO INTEGRATIVO SARÀ DISPONIBILE NELLA SEZIONE DEDICATA ALL'INSEGNAMENTO ALL'INTERNO DELLA PIATTAFORMA E-LEARNING DI ATENEO (HTTP://ELEARNING.UNISA.IT) ACCESSIBILE AGLI STUDENTI DEL CORSO TRAMITE LE CREDENZIALI UNICHE DI ATENEO.
Altre Informazioni
IL CORSO È EROGATO IN ITALIANO
  BETA VERSION Fonte dati ESSE3 [Ultima Sincronizzazione: 2023-01-23]