LETTERATURA LATINA

Lettere LETTERATURA LATINA

0312600028
DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI
CORSO DI LAUREA
LETTERE
2013/2014



OBBLIGATORIO
ANNO CORSO 1
ANNO ORDINAMENTO 2008
PRIMO SEMESTRE
CFUOREATTIVITÀ
1260LEZIONE
Obiettivi
CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE: ACQUISIZIONE DI UNA CONOSCENZA SCIENTIFICA E CRITICA DELLE LINEE DI SVILUPPO DELLA LETTERATURA LATINA E DELLE PROBLEMATICHE ATTINENTI AI SINGOLI SCRITTORI E ALLE LORO OPERE.
CAPACITÀ DI LEGGERE, CONTESTUALIZZARE, INTERPRETARE, SUL PIANO LINGUISTICO-FILOLOGICO-LETTERARIO, COMPRENDERE E TRADURRE LE FONTI LETTERARIE LATINE.
ACQUISIZIONE DI UNA COMPETENZA SCIENTIFICA DELLA LINGUA LATINA NEI SUOI ASPETTI MORFOLOGICI, SINTATTICI E STILISTICI.
ACQUISIZIONE SCIENTIFICA DEI FONDAMENTI DELLA PROSODIA E DELLA METRICA LATINA.
CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE: CAPACITÀ DI AUTONOMA LETTURA,
CONTESTUALIZZAZIONE, INTERPRETAZIONE, TRADUZIONE E COMPRENSIONE DELLE FONTI LETTERARIE LATINE.
CAPACITÀ DI APPLICARE TALE ACQUISITA ABILITÀ E LE RELATIVE CONOSCENZE NELLA LETTURA ED ANALISI DI TESTI APPARTENENTI AD ALTRE EPOCHE E AD ALTRE REALTÀ STORICO-CULTURALI.
AUTONOMIA DI GIUDIZIO: FORMAZIONE DI UNA CAPACITÀ DI VALUTAZIONE CRITICA DEI TESTI E DEI PROBLEMI DELLA LETTERATURA LATINA CHE SIA AUTONOMA E FONDATA SU PARAMETRI SCIENTIFICI.
ABILITÀ COMUNICATIVE: CAPACITÀ DI COMUNICARE CONTENUTI, DATI E RISULTATI IN MODO RIGOROSO,
AVVALENDOSI ANCHE DI UN LINGUAGGIO SPECIALISTICO.
CAPACITÀ DI ARGOMENTARE RIFLESSIONI CRITICHE IN MODO COERENTE E CHIARO.
CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO: CAPACITÀ DI ACQUISIZIONE DI UNA CORRETTA METODOLOGIA DI STUDIO ANCHE IN VISTA DI UN APPRENDIMENTO AUTONOMO.
Prerequisiti
CONOSCENZE ESSENZIALI DI PROSODIA, MORFOLOGIA E SINTASSI LATINA; NOZIONI GENERALI DI STORIA ROMANA.
Contenuti
1) GLI STRUMENTI CRITICI E SCIENTIFICI PER LO STUDIO DELLA LETTERATURA E DELLA LINGUA LATINA.
STORIA DELLA LETTERATURA LATINA PER GENERI LETTERARI, ASPETTI, TEMI E PROBLEMI GENERALI.
APPROFONDIMENTO, IN PROSPETTIVA STORICA, DELLE NOZIONI DI FONETICA, MORFOLOGIA, SINTASSI, PROSODIA, METRICA. CENNI ALLA PROBLEMATICA DELLA TRADIZIONE MANOSCRITTA DEI PRINCIPALI AUTORI.
2) CICERONE
3) VIRGILIO
4) TACITO
LE LEZIONI ANDRANNO INTEGRATE CON:
A) LO STUDIO DI UNA SINTESI ORGANICA DELLA STORIA DELLA LETTERATURA LATINA, CON PARTICOLARE RIGUARDO AI QUADRI STORICI DI RIFERIMENTO DELLE VARIE EPOCHE, AI GENERI LETTERARI E ALLE PERSONALITÀ ARTISTICHE DI MAGGIORE RILIEVO (PLAUTO, ENNIO, TERENZIO, CATULLO, LUCREZIO, CICERONE, CESARE, SALLUSTIO, VIRGILIO, ORAZIO, TIBULLO, PROPERZIO, OVIDIO, LIVIO, SENECA, LUCANO, PETRONIO, PERSIO, GIOVENALE, STAZIO, MARZIALE, TACITO, APULEIO, AGOSTINO);
B) LO STUDIO, PER ARGOMENTI PRINCIPALI (PRINCIPI DI FONETICA E MORFOLOGIA; SINTASSI DEI CASI, DEL VERBO, DEL PERIODO), DI UN MANUALE DI LINGUA LATINA;
C) LO STUDIO DEGLI ELEMENTI COSTITUTIVI DELL’ESAMETRO, DEL DISTICO ELEGIACO, DEI METRI GIAMBICI, DEI METRI CATULLIANI ED ORAZIANI;
D) L’APPROFONDIMENTO DI UN AUTORE E DI UN GENERE LETTERARIO ATTRAVERSO LO STUDIO DI UNA BREVE MONOGRAFIA.
Metodi Didattici
L'INSEGNAMENTO PREVEDE L'ALTERNANZA DI LEZIONI GENERALI DI ARGOMENTO STORICO-LETTERARIO E DI LEZIONI, CHE, INCENTRATE SUI CLASSICI, NE PREVEDONO LETTURA, TRADUZIONE ED ESEGESI DI ORDINE LINGUISTICO, STILISTICO, PROSODICO-METRICO E FILOLOGICO-LETTERARIO.
Verifica dell'apprendimento
SISTEMATICO CONTROLLO DELL’APPRENDIMENTO, SIA LINGUISTICO SIA LETTERARIO, ATTRAVERSO IL COINVOLGIMENTO 'ATTIVO' DEGLI STUDENTI. ESAME ORALE FINALE, RIVOLTO AD ACCERTARE: IL LIVELLO SCIENTIFICO DELLE COMPETENZE ACQUISITE IN ORDINE ALLA LINGUA LATINA, ALLA LETTERATURA LATINA E NELL'ESEGESI DEI TESTI; IL POSSESSO DI UN APPROPRIATO LINGUAGGIO "TECNICO" NONCHÈ DI UNA RIGOROSA METODOLOGIA, APPLICABILE ANCHE IN ALTRE DISCIPLINE; LA COERENZA E LA CHIAREZZA DELL'ESPOSIZIONE.

Testi
1) UNA GRAMMATICA LATINA (SI CONSIGLIA G. DANESI MARIONI, GUIDA ALLA LINGUA LATINA, ROMA, CAROCCI 2007 NONCHÉ LA CONSULTAZIONE DI F. CUPAIUOLO, PROBLEMI DI LINGUA LATINA, NAPOLI, LOFFREDO 1991); UN MANUALE DI STORIA LETTERARIA, CON ANTOLOGIA, IN USO NEI LICEI; UN MANUALE DI METRICA LATINA (PER ES., S. BOLDRINI, LA PROSODIA E LA METRICA DEI ROMANI, ROMA, CAROCCI 1992).

2) CICERONE, PRO CAELIO, 31; 32; 33; 34; 35; 36; 48; 49; 50. SI CONSIGLIA LA SEGUENTE EDIZIONE: CICERONE, IN DIFESA DI MARCO CELIO, A CURA DI A. CAVARZERE, MARSILIO, VENEZIA 1996.
LO STUDENTE INTEGRERÀ QUESTA PARTE DEL PROGRAMMA CON LO STUDIO DEI SEGUENTI BRANI: CATULLO, CARMI, 1; 4; 8; 30; 83; 85; 92; 101; 109; SALLUSTIO, CONIURATIO CATILINAE, 1; 2; 3; 5; 25; 60; 61.

3)VIRGILIO, ENEIDE, II 671-794 (EDIZIONE LIBERA).
LO STUDENTE INTEGRERÀ QUESTA PARTE DEL PROGRAMMA CON LO STUDIO DEI SEGUENTI BRANI: ORAZIO, ODI, I 9; 22; 23; II 4 ; 10; III 15; 23; 30; LIVIO, AB URBE CONDITA, III 44-48.

4) TACITO, AGRICOLA, 3; 39; 40; 41; 42; 43; 44; 45 (EDIZIONE LIBERA).
LO STUDENTE INTEGRERÀ QUESTA PARTE DEL PROGRAMMA CON LO STUDIO DEI SEGUENTI BRANI: SENECA, EPISTULAE AD LUCILIUM, 84; GIOVENALE, SATIRA 6, 434-473.

LETTURE CRITICHE (UNA A SCELTA):
A. LA PENNA, ASPETTI DEL PENSIERO STORICO LATINO, PICCOLA BIBLIOTECA EINAUDI, TORINO 1978;
A. PERUTELLI, LA POESIA EPICA LATINA, ROMA, CAROCCI 2000;
E. NARDUCCI, INTRODUZIONE A CICERONE, ROMA-BARI, LATERZA 2005;
K. FREUDENBURG - A. CUCCHIARELLI - A. BARCHIESI, MUSA PEDESTRE. STORIA E INTERPRETAZIONE DELLA SATIRA IN ROMA ANTICA, ROMA, CAROCCI 2007.
Altre Informazioni
N.B.: IL PROGRAMMA È VALIDO ANCHE PER GLI STUDENTI IL CUI PIANO DI STUDI PREVEDE UN INSEGNAMENTO DI LETTERATURA LATINA DA 8 CFU E PER GLI STUDENTI DEL VECCHIO ORDINAMENTO.
  BETA VERSION Fonte dati ESSE3 [Ultima Sincronizzazione: 2016-09-30]