GEOSCIENZE PER L'AMBIENTE

Scienze Ambientali GEOSCIENZE PER L'AMBIENTE

0512700019
DIPARTIMENTO DI CHIMICA E BIOLOGIA "ADOLFO ZAMBELLI"
CORSO DI LAUREA
SCIENZE AMBIENTALI
2022/2023

OBBLIGATORIO
ANNO CORSO 3
ANNO ORDINAMENTO 2016
PRIMO SEMESTRE
CFUOREATTIVITÀ
1CARTOGRAFIA E TELERILEVAMENTO (MODULO DI GEOSCIENZE PER L'AMBIENTE)
540LEZIONE
112ESERCITAZIONE
2GEORISCHI (MODULO DI GEOSCIENZE PER L'AMBIENTE)
540LEZIONE
112ESERCITAZIONE
Obiettivi
L'OBIETTIVO DELL'INSEGNAMENTO È FORNIRE CONOSCENZE NELL'AMBITO DELLA CARTOGRAFIA, DEI SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E DEL TELERILEVAMENTO PER FINI AMBIENTALI, NONCHÉ UN'INTRODUZIONE AGLI EVENTI NATURALI GEOFISICI E AI RISCHI AD ESSI ASSOCIATI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AL RISCHIO SISMICO E AL RISCHIO VULCANICO, AL LORO IMPATTO E AI LORO EFFETTI, ED AI PROCESSI CHE SONO ALLA LORO BASE. L'INSEGNAMENTO SI ARTICOLA IN DUE MODULI: "CARTOGRAFIA E TELERILEVAMENTO" E "GEORISCHI".

CONOSCENZE E COMPRENSIONE (PRIMO MODULO):

CONOSCENZE DI BASE E APPLICATIVE NEI SEGUENTI AMBITI:
- CARTOGRAFIA CLASSICA E NUMERICA, SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI CARTOGRAFICHE IN USO A LIVELLO NAZIONALE E INTERNAZIONALE;
- MODELLI DIGITALI DEL TERRENO;
- SISTEMI DI POSIZIONAMENTO GLOBALE;
- MODELLI DI DATI, FUNZIONI ED OPERATORI NEI SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI (GIS);
- CARATTERISTICHE DELLE IMMAGINI TELERILEVATE, FIRME SPETTRALI E TECNICHE MULTISPETTRALI PER FINI AMBIENTALI;
- CONCETTI E TECNICHE RELATIVI ALL'USO DEI DATI GEOGRAFICI E DELLE IMMAGINI TELERILEVATE PER LA MAPPATURA ED IL MONITORAGGIO DELL'AMBIENTE E DELL'USO DEL SUOLO;
- COMPRENSIONE DELLE INFORMAZIONI CONTENUTE IN PRODOTTI CARTOGRAFICI E MAPPE TEMATICHE.

CONOSCENZE E COMPRENSIONE (SECONDO MODULO):

CONOSCENZE DI BASE E APPLICATIVE NEI SEGUENTI AMBITI:
- FINALITÀ E LIMITI DELL'APPROCCIO STATISTICO NELLA DEFINIZIONE DELLA PERICOLOSITÀ DI UN FENOMENO NATURALE;
- APPROCCIO DETERMINISTICO E PROBABILISTICO ALLA PERICOLOSITÀ SISMICA;
- ORIGINE DEI TERREMOTI IN GENERALE E DELLA SISMICITÀ ITALIANA IN PARTICOLARE;
- PERICOLOSITÀ SISMICA ITALIANA DI BASE, AMPLIFICAZIONE SISMICA LOCALE, ZONAZIONE SISMICA;
- STRATEGIE DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO SISMICO;
- ORIGINE DEL VULCANISMO IN GENERALE E DI QUELLO ITALIANO IN PARTICOLARE;
- PRECURSORI DI ERUZIONI VULCANICHE E LORO PREVISIONE;
- STRATEGIE DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO VULCANICO.

APPLICAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLA COMPRENSIONE (PRIMO MODULO):

- UTILIZZO DELLA CARTOGRAFIA CLASSICA E NUMERICA SIA NAZIONALE CHE INTERNAZIONALE;
- USO, GESTIONE E ANALISI DI DATI GEOGRAFICI ED UTILIZZO DI SOFTWARE GIS;
- UTILIZZO DI IMMAGINI TELERILEVATE;
- PRODUZIONE DI ELABORATI E CARTE TEMATICHE RELATIVE ALLA MAPPATURA E AL MONITORAGGIO DELL'AMBIENTE E DELL'USO DEL SUOLO.

APPLICAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLA COMPRENSIONE (SECONDO MODULO):

- STIMA DEI TEMPI DI RITORNO DA UN CATALOGO STORICO E LORO USO PER LA VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITÀ;
- STIMA SEMIQUANTITATIVA DELL'AMPLIFICAZIONE LOCALE DELLE ONDE SISMICHE;
- UTILIZZO DELLA LEGGE DI GUTENBERG-RICHTER E DELLE LEGGI DI ATTENUAZIONE PER LA STIMA DELLA PERICOLOSITÀ SISMICA;
- STIMA DEGLI INDICI DI DISPERSIONE E FRAMMENTAZIONE ASSOCIATI A UN'ERUZIONE ESPLOSIVA.
Prerequisiti
AL FINE DI COMPRENDERE E SAPER APPLICARE LA MAGGIOR PARTE DEGLI ARGOMENTI TRATTATI NELL'INSEGNAMENTO, È UTILE CHE LO STUDENTE ABBIA ACQUISITO LE CONOSCENZE DI BASE RELATIVE AGLI INSEGNAMENTI DI MATEMATICA, FISICA, ANALISI DATI E FONDAMENTI DI GEOSCIENZE.
Contenuti
IL PRIMO MODULO SI CONCENTRERÀ SUI SEGUENTI ARGOMENTI, PRIMA PRESENTATI DURANTE LE LEZIONI FRONTALI (5 CFU, IN LARGA MISURA CON METODOLOGIA LEARNING BY DOING) E SUCCESSIVAMENTE OGGETTO DELLE ESERCITAZIONI (1 CFU, CON APPLICAZIONI GUIDATE MA AUTONOME):
SISTEMI DI RIFERIMENTO E DI COORDINATE E PROIEZIONI CARTOGRAFICHE IN USO A LIVELLO NAZIONALE E INTERNAZIONALE,
MODELLI DIGITALI DEL TERRENO,
GLOBAL POSITIONING SYSTEM (GPS) (ORE LEZIONE 8, ORE ESERCITAZIONE 4);
DEFINIZIONE DI MODELLI DI DATI, DI FUNZIONI ED OPERATORI GIS, GEOREFERENZIAZIONE, CLASSIFICAZIONE DEI DATI (RASTER E VETTORIALI), FUNZIONI DI OVERLAY TOPOLOGICO E BUFFERING (ORE LEZIONE 20, ORE ESERCITAZIONE 4);
BASI FISICHE DEL TELERILEVAMENTO ED EFFETTI DELL'ATMOSFERA, SENSORI DI TELERILEVAMENTO E CARATTERISTICHE DELLE IMMAGINI TELERILEVATE, FIRME SPETTRALI DI INTERESSE AMBIENTALE, TECNICHE MULTISPETTRALI PER FINI AMBIENTALI, INDICI DI VEGETAZIONE, CLASSIFICAZIONE DELLE IMMAGINI TELERILEVATE (ORE LEZIONE 12, ORE ESERCITAZIONE 4).

IL SECONDO MODULO SI CONCENTRERÀ SUI SEGUENTI ARGOMENTI, PRIMA PRESENTATI DURANTE LE LEZIONI FRONTALI (5 CFU) E SUCCESSIVAMENTE OGGETTO DELLE ESERCITAZIONI (1 CFU):
RICHIAMI DI STATISTICA. PERICOLOSITÀ E RISCHIO. MODELLI DI BERNOULLI E DI POISSON NELLE STIME DI PERICOLOSITÀ. (ORE LEZIONE 12, ORE ESERCITAZIONE 6)
SFORZI. SFORZI PRINCIPALI E REGIME TETTONICO. ONDE SISMICHE E LORO PROPRIETÀ. MECCANISMO SORGENTE DEI TERREMOTI. STIMA DELLA POSIZIONE IPOCENTRALE. INTENSITÀ, MAGNITUDO E MOMENTO SISMICO. STRUMENTI DI OSSERVAZIONE DEI TERREMOTI. CARATTERISTICHE DELLA SISMICITÀ ITALIANA. (ORE LEZIONE 10, ORE ESERCITAZIONE 2)
LA RISPOSTA SISMICA LOCALE. CLASSIFICAZIONE SISMICA ITALIANA. AZIONE SISMICA NELLE NORME TECNICHE DELLE COSTRUZIONI. APPROCCIO DETERMINISTICO ALLA PERICOLOSITÀ SISMICA. (ORE LEZIONE 8, ORE ESERCITAZIONE 4)
ELEMENTI DI VULCANOLOGIA FISICA. LA SORVEGLIANZA DEI VULCANI. MODELLI DI ESPLOSIONE DEI VULCANI. IL RISCHIO VULCANICO IN CAMPANIA. (ORE LEZIONE 10)
Metodi Didattici
IL PRIMO MODULO DELL’INSEGNAMENTO PREVEDE LEZIONI FRONTALI DELLA DURATA DI 40 ORE COMPLESSIVE (5 CFU) ED ESERCITAZIONI PRATICHE DI LABORATORIO PER COMPLESSIVE 12 ORE (1 CFU), DURANTE LE QUALI GLI STUDENTI VERIFICANO AUTONOMAMENTE CIÒ CHE IL DOCENTE INTRODUCE NEL CORSO DELLE LEZIONI.
LA FREQUENZA DELLE LEZIONI IN AULA E DELLE ESERCITAZIONI IN LABORATORIO È FORTEMENTE CONSIGLIATA.
IL SECONDO MODULO DELL’INSEGNAMENTO PREVEDE LEZIONI FRONTALI DELLA DURATA DI 40 ORE COMPLESSIVE (5 CFU) ED ESERCITAZIONI PRATICHE IN AULA PER COMPLESSIVE 12 ORE (1 CFU), DURANTE LE QUALI GLI STUDENTI VERIFICANO CIÒ CHE IL DOCENTE INTRODUCE NEL CORSO DELLE LEZIONI.
LA FREQUENZA DELLE LEZIONI IN AULA E DELLE ESERCITAZIONI IN AULA È FORTEMENTE CONSIGLIATA.
Verifica dell'apprendimento
IL LIVELLO DI RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DELL’INSEGNAMENTO È CERTIFICATO MEDIANTE IL SUPERAMENTO DI UN ESAME ORALE CON VALUTAZIONE IN TRENTESIMI CON EVENTUALE LODE.
L’ESAME CONSISTE DI UNA PROVA ORALE DELLA DURATA DI CIRCA UN’ORA VOLTA AD ACCERTARE IL LIVELLO DI CONOSCENZA E LA CAPACITÀ DI ESPOSIZIONE DELLO STUDENTE, INCLUSO L'USO DELL'APPROPRIATA TERMINOLOGIA; COMPRENDE ALMENO SEI DOMANDE RELATIVE AI CONTENUTI DELLE LEZIONI FRONTALI E LA RISOLUZIONE DI ALMENO DUE ESERCIZI ANALOGHI A QUELLI SVOLTI DURANTE LE ESERCITAZIONI, ANCHE MEDIANTE L'USO DI SOFTWARE USATI DURANTE L'INSEGNAMENTO. IL VOTO MINIMO PER IL SUPERAMENTO DELL’ESAME È DI 18/30, ED È ATTRIBUITO QUANDO LO STUDENTE DIMOSTRA UNA LIMITATA CONOSCENZA DELLE BASI DELLA CARTOGRAFIA, DEI SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E DEL TELERILEVAMENTO, NONCHÉ DEI RISCHI SISMICO E VULCANICO.
IL VOTO MASSIMO (30) È ATTRIBUITO QUANDO LO STUDENTE DIMOSTRA UNA CONOSCENZA COMPLETA ED APPROFONDITA DELLE BASI DELLA CARTOGRAFIA, DEI SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E DEL TELERILEVAMENTO, NONCHÉ DEI RISCHI SISMICO E VULCANICO. LA LODE POTRÀ ESSERE ATTRIBUITA AGLI STUDENTI CHE RAGGIUNGONO IL VOTO MASSIMO DI 30/30 E CHE DIMOSTRINO DI ESSERE IN GRADO DI APPLICARE AUTONOMAMENTE CONOSCENZE E COMPETENZE ACQUISITE ANCHE IN CONTESTI DIVERSI DA QUELLI PROPOSTI A LEZIONE.
Testi
PRIMO MODULO:
GIANFRANCO AMADIO, INTRODUZIONE ALLA GEOMATICA - MANUALE INTRODUTTIVO AI SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI, ED. DARIO FLACCOVIO EDITORE, 2012
NICCOLÒ DAINELLI, L’OSSERVAZIONE DELLA TERRA - TELERILEVAMENTO - MANUALE TEORICO-PRATICO PER L’ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI DIGITALI, ED. DARIO FLACCOVIO EDITORE, 2011
SECONDO MODULO:
DISPENSE DEL DOCENTE

ALTRO MATERIALE DIDATTICO SARÀ RESO DISPONIBILE SUL SITO DEL DOCENTE DEL MODULO.
Altre Informazioni
INFORMAZIONI SULL'INSEGNAMENTO E SUI CONTENUTI SONO ANCHE DISPONIBILI SULLA PAGINA DEI DOCENTI NEL SITO DELL'UNIVERSITÀ DI SALERNO.
PER CONTATTARE I DOCENTI SI POSSONO UTILIZZARE I LORO INDIRIZZO DI MAIL (AAMORUSO@UNISA.IT E LCRESCEN@UNISA.IT).
LINGUA DI EROGAZIONE DELL'INSEGNAMENTO: ITALIANO.
  BETA VERSION Fonte dati ESSE3 [Ultima Sincronizzazione: 2022-09-16]