skip to main content

LINGUISTICA 1

Scienze della Comunicazione LINGUISTICA 1

0312200065
DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E DELLA COMUNICAZIONE
CORSO DI LAUREA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
9 CFU

OBBLIGATORIO
ANNO CORSO 1
ANNO ORDINAMENTO 2017
SECONDO SEMESTRE
CFUOREATTIVITÀ
1LINGUISTICA 1 - MOD.1
640LEZIONE
2LINGUISTICA 1 - MOD.2
320LEZIONE


AppelloData
LINGUISTICA 1 MATR. DISPARI11/06/2019 - 09:00
LINGUISTICA 1 MATR. DISPARI25/06/2019 - 09:00
LINGUISTICA 1 MATR. DISPARI09/07/2019 - 09:00
Obiettivi
L'INSEGNAMENTO PREVEDE 40 ORE DI DIDATTICA ED ESERCITAZIONI. E’ FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE DI BASE NELLE PROBLEMATICHE GENERALI DELLA LINGUISTICA TEORICA E DESCRITTIVA CONTEMPORANEA, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SINTASSI E AGLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL'ANALISI MORFO-FONOLOGICA DELL'ITALIANO.
GLI STUDENTI ACQUISIRANNO COMPETENZE E CONOSCENZE RIGUARDO ALLE METODOLOGIE E AGLI STRUMENTI ANALITICI E DESCRITTIVI. SARANNO COSÌ IN GRADO DI ELABORARE ANALISI LINGUISTICHE DI BASE DELL'ITALIANO.
GLI STUDENTI DI SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE E IMPRESA SEGUIRANNO IN AGGIUNTA UN MODULO DI 20 ORE, UNA INTRODUZIONE SUI METODI, I SISTEMI E LE COMPETENZE NECESSARIE A SVILUPPARE SOLUZIONI DI LINGUISTICA APPLICATA AL CONTESTO AZIENDALE.
Prerequisiti
È INDISPENSABILE CHE GLI STUDENTI ABBIANO OTTIME CONOSCENZE MORFOLOGICHE E SINTATTICHE DELLA SCUOLA MEDIA SUPERIORE.
Contenuti
I TEMI AFFRONTATI SARANNO I SEGUENTI:
•LINGUE E LINGUAGGI: LINGUAGGIO NATURALE E ARTIFICIALE
•MODELLI DELLA COMUNICAZIONE: SHANNON E JACKOBSON
•CATENA DI MARKOV E AUTOMI A STATI FINITI
•LA GRAMMATICA GENERATIVO-TRASFORMAZIONALE: TEORIA STANDARD, MODELLO X-BARRA
•LA STRUTTURA MORFOLOGICA DELL’ITALIANO: FLESSIONE, DERIVAZIONE, COMPOSIZIONE
•ELEMENTI DI FONETICA E FONOLOGIA: SUONI, FONEMI, COPPIE MINIME, REGOLE FONOLOGICHE

IL MODULO AGGIUNTIVO DI IMPRESA PREVEDE INOLTRE:
•ESTRAZIONE DI INFORMAZIONI
•BIG DATA ANALYTICS APPLICATIONS
Metodi Didattici
LEZIONI FRONTALI, ESERCITAZIONI.
Verifica dell'apprendimento
ALLA FINE DEL CORSO SARÀ EROGATA UNA PROVA SCRITTA (50/60 MINUTI) CHE VALE COME ESAME FINALE. LA PROVA SCRITTA È COSTITUITA DA DOMANDE APERTE E A SCELTA MULTIPLA. GLI STUDENTI POSSONO SCEGLIERE DI SOSTENERE L’ESAME SCRITTO O, IN ALTERNATIVA, L’ESAME ORALE.
L’ESAME FINALE, ORALE O SCRITTO CHE SIA, È ATTO A VALUTARE LA PREPARAZIONE DELLO STUDENTE PER QUANTO RIGUARDA I PRINCIPALI MODELLI DI ANALISI RELATIVI AL FUNZIONAMENTO DEL LINGUAGGIO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AGLI ASPETTI DI BASE DI TIPO MORFO-SINTATTICO E FONETICO/FONOLOGICO.
PER GLI STUDENTI D’IMPRESA CHE SEGUONO IL MODULO AGGIUNTIVO, L’ESAME ORALE VERIFICHERÀ LE COMPETENZE DELLO STUDENTE SULLE PRINCIPALI APPLICAZIONI DI LINGUISTICA COMPUTAZIONALE IN AMBITO AZIENDALE.

Testi
GRAFFI, GIORGIO, SCALISE, SERGIO (2002), LE LINGUE E IL LINGUAGGIO, IL MULINO: BOLOGNA (CAP. I, II, IV, V, VII)
PINKER STEVEN, (1997), L’ISTINTO DEL LINGUAGGIO, MONDADORI: MILANO (CAP. V)
ULTERIORI TESTI SARANNO RESI DISPONIBILI PER IL MODULO AGGIUNTIVO DI 20 ORE.
Altre Informazioni
NESSUNA
  BETA VERSION Fonte dati ESSE3 [Ultima Sincronizzazione: 2019-04-23]