STORIA ECONOMICA DELL'EUROPA

Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali STORIA ECONOMICA DELL'EUROPA

1212100075
DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE, SOCIALI E DELLA COMUNICAZIONE
CORSO DI LAUREA
SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI
2013/2014

OBBLIGATORIO
ANNO CORSO 3
ANNO ORDINAMENTO 2008
PRIMO SEMESTRE
CFUOREATTIVITÀ
540LEZIONE
Obiettivi
IL CORSO INTENDE FORNIRE GLI STRUMENTI DI UNA ANALISI DIACRONICA E MULTIFATTORIALE DEI PROCESSI CHE HANNO CARATTERIZZATO LA STORIA ECONOMICA EUROPEA FAVORENDONE LA COMPRENSIONE IN UN’OTTICA COMPARATA DI LUNGO PERIODO.

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:
LO STUDENTE DEVE COMPRENDERE E COLLEGARE I FENOMENI STORICI INQUADRANDOLI NEL CONTESTO ANALITICO DELLA SCIENZA ECONOMICA E IN QUELLO NARRATIVO DEL RACCONTO STORICO DI LUNGO PERIODO TENENDO CONTO DEI DIVERSI PARADIGMI STORIOGRAFICI.

CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:
LO STUDENTE DEVE CONOSCERE E APPLICARE LA TEORIA ECONOMICA AI FINI DELL'INTERPRETAZIONE DEI FENOMENI STORICI; DEVE SAPER LEGGERE CRITICAMENTE LE FONTI E I DATI STORICI; DEVE RIUSCIRE A DISTINGUERE E VALUTARE I DIVERSI APPROCCI STORIOGRAFICI.

AUTONOMIA DI GIUDIZIO:
LO STUDENTE DEVE MOSTRARE AUTONOMIA DI GIUDIZIO INSERENDOSI CREATIVAMENTE IN UN DIBATTITO APERTO CHE COINVOLGA, DURANTE IL CORSO, DOCENTE E STUDENTI.

ABILITÀ COMUNICATIVE:
LO STUDENTE DEVE MOSTRARE DI AVER FATTO PROPRIO E DI SAPER UTILIZZARE, IN MANIERA CHIARA ED ESSENZIALE, IL LINGUAGGIO SPECIALISTICO PERTINENTE ALLA DISCIPLINA.

CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO:
LO STUDENTE SI SERVIRÀ DELLE NOZIONI ACQUISITE ATTUALIZZANDOLE E INSERENDOLE IN UN CONTESTO MULTIDISCIPLINARE.
Prerequisiti
E' NECESSARIO AVERE UNA CONOSCENZA DI BASE DI STORIA ECONOMICA
Contenuti
IL CORSO INTENDE ESPLORARE I MECCANISMI FONDAMENTALI DEL SISTEMA ECONOMICO DELL'EUROPA PRE E POST-RIVOLUZIONE INDUSTRIALE FOCALIZZANDOSI SUL RUOLO DEL PROGRESSO TECNOLOGICO E DELLE ISTITUZIONI NEL CONSENTIRE UN USO PIÙ EFFICIENTE DEI FATTORI DI PRODUZIONE NEL LUNGO PERIODO. IN PARTICOLARE VERRANNO ANALIZZATI: DIVISIONE DEL LAVORO, PROGRESSO TECNOLOGICO ED EFFICIENZA DEI MERCATI; LA TEORIA MALTHUSIANA DELLA CRESCITA E LA TRANSIZIONE DEMOGRAFICA; RIVOLUZIONE INDUSTRIALE, RIVOLUZIONE INDUSTRIOSA E ILLUMINISMO INDUSTRIALE; TRASFERIMENTO TECNOLOGICO E CONVERGENZA; LA MONETA, I MERCATI FINANZIARI E IL SISTEMA BANCARIO; IL COMMERCIO INTERNAZIONALE E LE POLITICHE COMMERCIALI IN RAPPORTO ALLA CRESCITA; I REGIMI MONETARI INTERNAZIONALI; L'IMPATTO SULL'ECONOMIA DELLO STATO MINIMO E DELLO STATO SOCIALE; DISTRIBUZIONE DEL REDDITO E DISUGUAGLIANZA; LE FASI DELLA GLOBALIZZAZIONE
Metodi Didattici
SI TERRANNO LEZIONI FRONTALI CHE PREVEDONO, AL TEMPO STESSO, LA DISCUSSIONE IN CLASSE DI ARTICOLI DI APPROFONDIMENTO SU TEMATICHE DI PARTICOLARE INTERESSE.
Verifica dell'apprendimento
LA VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO CONSISTERÀ, PER I CORSISTI, DI UNA PROVA SCRITTA CON DOMANDE A RISPOSTA APERTA, BASATA SUGLI ARGOMENTI DISCUSSI DURANTE IL CORSO, E, PER I NON CORSISTI, DI UNA PROVA ORALE, BASATA SUGLI ARGOMENTI TRATTATI NEL LIBRO DI TESTO.
Testi
K.G.PERSSON, STORIA ECONOMICA D'EUROPA, APOGEO 2011.
  BETA VERSION Fonte dati ESSE3 [Ultima Sincronizzazione: 2016-09-30]