STORIA DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali STORIA DELLO SVILUPPO ECONOMICO

1212100116
DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E DELLA COMUNICAZIONE
CORSO DI LAUREA
SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI
2019/2020



ANNO CORSO 2
ANNO ORDINAMENTO 2017
SECONDO SEMESTRE
CFUOREATTIVITÀ
640LEZIONE
Obiettivi
L’INSEGNAMENTO È FINALIZZATO AL CONSEGUIMENTO DI CONOSCENZE E CAPACITÀ FINALIZZATE AD UNA COMPRENSIONE AVANZATA DELLE LINEE DI SVILUPPO DELL'ECONOMIA INTERNAZIONALE DALL'ETÀ MODERNA ALL’ETÀ CONTEMPORANEA. L'INSEGNAMENTO SI PREFIGGE DI INTEGRARE LE CONOSCENZE STORICO-ECONOMICHE CON LE EVIDENZE SUGGERITE DALLA SOCIOLOGIA DELLO SVILUPPO. VERRANNO INDIVIDUATI I COLLEGAMENTI TRA LE VARIE INTERPRETAZIONI DELLO SVILUPPO ECONOMICO PROPOSTE DALLA LETTERATURA SCIENTIFICA E VERRANNO DISCUSSE ALCUNE SELEZIONATE EVIDENZE EMPIRICHE MEDIANTE L'APPROFONDIMENTO BASATO SULL'UTILIZZO DI COUNTRY REPORTS E DATA BASE DISPONIBILI; L’INSEGNAMENTO INTENDE PROMUOVERE A FAVORE DELLO STUDENTE LA CAPACITÀ DI UTILIZZARE E INTERPRETARE, CONTESTUALIZZANDO E STORICIZZANDO AUTONOMAMENTE, I FENOMENI ECONOMICI. L'INSEGNAMENTO SI PREFIGGE DI PROMUOVERE L’ABILITÀ NELLA COMUNICAZIONE PER ESPRIMERE IN MODO CHIARO E DOCUMENTATO INFORMAZIONI, IDEE, PROBLEMI E SOLUZIONI LEGATE ALLO STUDIO DEI MERCATI NON CONCORRENZIALI, DEI BENI PUBBLICI, DELLE ESTERNALITÀ, DEI MERCATI INCOMPLETI, DELLE ASIMMETRIE INFORMATIVE. LO STUDENTE, SULLA BASE DELLE CONOSCENZE FONDAMENTALI E DELLA METODOLOGIA LOGICO-ARGOMENTATIVA APPRESE, SARÀ IN GRADO DI ANALIZZARE LE DIVERSE PROBLEMATICHE PROSPETTATE SVILUPPANDO COMPETENZE SPECIFICHE ATTE AD UNA APPROFONDITA ANALISI CRITICA.
Prerequisiti
PER UNA COMPRENSIONE OTTIMALE SAREBBE UTILE LO STUDIO DI ELEMENTI BASILARI DI ECONOMIA POLITICA
Contenuti
PARTE I - LO SVILUPPO ECONOMICO MODERNO (INQUADRAMENTO GENERALE: 20 ORE DI CUI 2 DI SEMINARI ED ESERCITAZIONI );
1.LA STORIA ECONOMICA COME STORIA DELLO SVILUPPO ECONOMICO
2. PROGRESSO, SVILUPPO E CICLO NEL PENSIERO ECONOMICO CONTEMPORANEO
3. CRESCITA E TRASFORMAZIONE DELLE ECONOMIE
4. LA DINAMICA DEMOGRAFICA
5. L'ENERGIA, LE RISORSE, L'AMBIENTE
6. MONETA E CREDITO
7. L'EVOLUZIONE DEI SISTEMI FINANZIARI
8. TECNOLOGIA E SVILUPPO ECONOMICO
9. I TRASPORTI E LE COMUNICAZIONI
10. COMMERCIO E MERCATI
11. AGRICOLTURA E CRESCITA ECONOMICA
PARTE II – I CASI NAZIONALI/REGIONALI (20 ORE DI CUI 4 DI DISCUSSIONE E ANALISI DI CASE STUDIES A CURA DEGLI STUDENTI)
1. L'EUROPA OCCIDENTALE
2.GLI STATI UNITI
3.ITALIA: LENTO SVILUPPO AL MOMENTO DELL’UNITA’ - LA FORMAZIONE DELLA BASE INDUSTRIALE TRA ETÀ GIOLITTIANA E TRANSWAR YEARS. GLI ANNI VENTI: L’AUTARCHIA E LO STATO-IMPRENDITORE. PROBLEMI ECONOMICI DEL SECONDO DOPOGUERRA. LA POLITICA DI PROGRAMMAZIONE E IL “MIRACOLO ECONOMICO
4.IL CASO DEL SUD-ITALIA: DALL'UNIFICAZIONE ALL'INTERVENTO STRAORDINARIO

Metodi Didattici
L'INSEGNAMENTO SI ARTICOLA IN 40 ORE DI DIDATTICA IN AULA (SENZA OBBLIGO DI FREQUENZA).
DURANTE LE LEZIONI SI AFFRONTERANNO TEMATICHE DI TIPO TEORICO AFFIANCATE COSTANTEMENTE DALLA PRESENTAZIONE
DI CASE STUDIES E REPORTS MEDIANTE I QUALI SONO CHIARITE LE MODALITÀ E I CONTESTI DI UTILIZZO DI QUANTO SPIEGATO. PER TALE
MOTIVO LE ESERCITAZIONI E I SEMINARI SONO INTEGRATI NELLE LEZIONI PROGRAMMATE.
SONO INFINE PREVISTE, NELL'AMBITO DELLE 40 ORE DI DIDATTICA E AL TERMINE DI CIASCUN MODULO, ALCUNE LEZIONI ESCLUSIVAMENTE DEDICATE ALLA DISCUSSIONE DI REPORTS A CURA DEGLI STUDENTI.
Verifica dell'apprendimento
LA VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO SARÀ EFFETTUATA ATTRAVERSO UNA PROVA ORALE FINALE TESA A VALUTARE LE CONOSCENZE E LE CAPACITÀ OPERATIVE ACQUISITE. SARANNO FORMULATI ALMENO TRE QUESITI TESI A VALUTARE LE CONOSCENZE E LE CAPACITÀ OPERATIVE.
IL LIVELLO DI VALUTAZIONE MINIMO (18) È ATTRIBUITO QUANDO LO STUDENTE HA UNA CONOSCENZA FRAMMENTARIA DEI CONTENUTI TEORICI E MOSTRA UNA LIMITATA CAPACITÀ DI UTILIZZARLI AL CONTESTO DI STUDIO.
IL LIVELLO MASSIMO (30) È ATTRIBUITO QUANDO LO STUDENTE DIMOSTRA UNA CONOSCENZA COMPLETA ED APPROFONDITA DELLE METODOLOGIE E DEGLI STRUMENTI ED HA UNA NOTEVOLE CAPACITÀ DI UTILIZZARLI AL CONTESTO DI STUDIO.
LA LODE VIENE ATTRIBUITA QUANDO IL CANDIDATO DIMOSTRA SIGNIFICATIVA PADRONANZA DELLE METODOLOGIE E DEGLI STRUMENTI E MOSTRA NOTEVOLE PROPRIETÀ DI LINGUAGGIO E CAPACITÀ DI ELABORAZIONE AUTONOMA.
Testi
LIBRI DI TESTO
-LARRY NEAL-RONDO CAMERON, STORIA ECONOMICA DEL MONDO, IL MULINO, 2016
(CAP. I; CAP. V; CAP. V1; CAP. VII; CAP. VIII; CAP. XI; CAP. XII; CAP. XIV; CAP. XV; CAP. XVI
-E. FELICE: ASCESA E DECLINO. STORIA ECONOMICA D’ITALIA, IL MULINO, 2015
CAP. III (PP.113-176); CAP. IV (PP. 177-228); CAP. V (PP. 229-282)
-E. FELICE, PERCHÈ’ IL SUD È RIMASTO INDIETRO, IL MULINO, 2013
CAP. I (PP.17-61); CAP. II (PP. 91-149); CAP. III (PP. 217-225); CONCLUSIONI (PP. 239-246)

LETTURE CONSIGLIATE
-J. STIGLITZ, IL PREZZO DELLA DISUGUAGLIANZA. COME LA SOCIETÀ DIVISA DI OGGI MINACCIA IL NOSTRO FUTURO, EINAUDI, 2014
D.N. WEIL, CRESCITA ECONOMICA. PROBLEMI, DATI E METODI DI ANALISI, HOEPLI, 2007
A.. HIRSCHMAN, I PROGETTI DI SVILUPPO. UN'ANALISI CRITICA DI PROGETTI REALIZZATI NEL MERIDIONE E IN PAESI DEL TERZO MONDO, IL MULINO, 1975

ULTERIORE MATERIALE SARA FORNITO DIRETTAMENTE DAL DOCENTE DURANTE IL CORSO
Altre Informazioni
ULTERIORE MATERIALE DIDATTICO VERRÀ DISTRIBUITO DIRETTAMENTE DAL DOCENTE DURANTE IL CORSO.
  BETA VERSION Fonte dati ESSE3 [Ultima Sincronizzazione: 2021-02-19]