Progetto di ricerca dal titolo: “Un approccio integrato al telecare in ambito oncologico - AITO” - R.S.: prof.ssa Oriana MOTTA

Progetti trasferimento tecnologico e di prima industrializzazione per le imprese innovative ad alto potenziale per la lotta alle patologie oncologiche - Campania terra del buono

Progetti trasferimento tecnologico e di prima industrializzazione per le imprese innovative ad alto potenziale per la lotta alle patologie oncologiche - Campania terra del buono

L’obiettivo principale del progetto AITO è quello di apportare un significativo beneficio ai pazienti oncologici, agendo soprattutto sul versante dell’aderenza terapeutica, e della correttezza e facilità dell’assunzione dei farmaci antiblastici; verso il raggiungimento di questo obiettivo il progetto si è mosso lungo due versanti principali:

- La facilità di gestione del diario terapeutico e prescrizionale da parte del clinico, al fine di dare al paziente informazioni aggiornate e tempestive;

- L’adozione di un sistema che erogasse correttamente la qualità e la quantità dei farmaci prescritti.

Obiettivo del progetto è inoltre la sensibilizzazione di operatori medici o in generale service provider verso le necessità di soluzioni tecnologiche che possono rispondere a diverse esigenze. In quest’ottica parte importante del progetto è rappresentata dall’ideazione di un importante supporto per migliorare grandemente l’adesione alle prescrizioni: una APP, che si iscrive a pieno titolo nella nuovissima branca dell’informatica medica che si chiama “digital therapeutics”, che coadiuva il paziente nell’esatta aderenza alle terapie prescritte dai clinici per la somministrazione dei farmaci, essendo in grado nel frattempo di segnalare eventuali reazioni avverse, consentendo al medico in un ciclo virtuoso di aggiustare posologie o frequenza di assunzione.

Il progetto, unico nel suo genere, ha sviluppato un ecosistema integrato di gestione del paziente oncologico nel proprio ambiente domestico attraverso da un lato gli innovativi dispositivi di telecare che superano e completano gli standard attuali e dall’altro attraverso lo sviluppo di un framework che permette la fruizione e la condivisione dei dati clinici.

Il progetto combina ed applica soluzioni sensoristiche biomedicali, perimetrali e comportamentali per il rilevamento di parametri vitali della persona attraverso il monitoraggio costante con un sistema di tele-biometria avanzato.

Funzionalmente è una piattaforma software cloud based che nasce come “one stop service” della salute e che integra una serie di servizi in un solo punto di accesso con il vantaggio per l’utente e per il fornitore di servizi sanitari di avere una sola interfaccia operativa per ogni esigenza riguardante la salute, il benessere e la sicurezza.

Inoltre, declinando paradigmi quali ospedale esteso, continuità di cura e coinvolgimento del paziente contribuisce a creare un innovativo modello organizzativo e gestionale di cura domiciliare del malato. La piattaforma è stata pensata, progettata e realizzata pensando ad una elevata usabilità ed adattabilità in termini di funzioni offerte con interfaccia utente scalabile a seconda delle gerarchie di utilizzatore.

Il sistema permette la reale interazione e condivisione di informazioni tra i diversi soggetti che gestiscono la cura del paziente: siano essi clinici, medici di base, pazienti, terapisti o familiari, in altre parole tutte quelle figure che cooperano per la cura e l’assistenza al paziente in varia misura e su diversi livelli, affettivo, medico e psicologico.

Allo stato attuale un servizio di telecare specifico per il settore e le cronicità oncologiche è unico nel suo genere e non ci sono esperienze di protocolli standardizzati per l’erogazione del servizio.

Ma sicuramente l’innovazione maggiore, grazie allo sviluppo di algoritmi di data mining e grazie alla cooperazione con i dispositivi di rilevamento dei parametri fisiologici e della loro variazione, è la possibilità di correlare tali dati con la somministrazione della giusta dose di farmaco.

Dal punto di vista dell’occupazione il progetto ha sviluppato e poi valorizzato figure di carattere multidisciplinare. Il progetto è risultato essere per i dipendenti coinvolti un piano formativo organico e strutturato, trasmettendo in maniera trasversale concetti, metodologie, indicazioni, norme tecniche e comportamentali volte all’ottimizzazione di competenze e conoscenze, siano esse organizzative e/o applicative. Per i professionisti dell’IT è stata acquisita consapevolezza rispetto alle problematiche specifiche legate all'importanza della salute e del benessere, nonché più in generale legate alla gestione di dati medici.

Il progetto risulta essere di forte impatto nell’avanzamento tecnologico del territorio e si innesta in un percorso più ampio di sviluppo digitale che comprende i produttori di software per la gestione della sanità, sia nei suoi processi amministrativi, sia come strumento per la definizione, realizzazione ed erogazione di nuovi modelli di assistenza sanitaria e sociale, sempre più rivolti alle esigenze dell'individuo e possibilmente al di fuori del contesto ospedaliero, come i sistemi e-health.

Infine, il sistema è un chiaro esempio di come la tecnologia sia ormai entrata a far parte integrante del business, della realtà quotidiana, e della salute e sia a supporto di essi attraverso l’intensificazione delle collaborazioni tra aziende in un’ottica di integrazione orizzontale (se limitata alla collaborazione in partnership) o verticale (laddove viene delegata una parte integrante del business principale).

È dunque un esempio di promozione imprenditoriale regionale laddove ai contatti faccia seguito anche un’opportunità commerciale e di investimento e costituisce un’indubbia traiettoria tecnologica innovativa rispetto alla tradizionale pratica medicale.

Pubblicato il 1 Ottobre 2020